Area riservata

Violenza sulle donne anziane, al via il progetto di Auser Veneto “TACI – Teatro, arte, cultura, inclusione”

Scritto da
6 marzo 2019
taci

Sembra essere ancora un tabù la violenza esercitata nei confronti delle donne di età compresa tra i 70 e gli 85 anni. È quindi un tema forte e doloroso quello su cui Auser Veneto vuole intervenire con il progetto “Taci – Teatro, Arte, Cultura, Inclusione contro la violenza sulle donne”, che è stato giudicato il miglior progetto su scala regionale e pertanto finanziato dalla Regione del Veneto con risorse statali del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
“Abbiamo deciso di presentare “Taci” a Rovigo – afferma Marinella Mantovani, presidente di Auser Polesine – perché proprio nella nostra provincia verranno ospitate le prime iniziative.
“Il progetto – prosegue – vuole contribuire a costruire una nuova cultura del rispetto, della condivisione e della qualità nelle relazioni tra uomini e donne. La violenza di genere, infatti, è una delle più rilevanti problematiche sociali a livello mondiale e nazionale, di cui si è iniziato a discutere negli ultimi anni grazie all’aumento della presa di coscienza collettiva riguardo la necessità di denunciare le diverse forme di vessazione e maltrattamento”.
Nell’ambito del progetto “Taci” verranno attuate azioni di sensibilizzazione diffusa al problema della violenza di genere, intesa come maltrattamenti, vessazioni, privazioni, raggiri e violenza vera e propria, fisica e sessuale. “Taci” mira ad educare al riconoscimento del problema della violenza di genere e della violenza su donne anziane e ad accompagnare le potenziali vittime verso una presa di coscienza collettiva.
Il progetto è promosso da Auser Veneto in collaborazione con la ricca rete di circoli territoriali e università popolari dell’associazione e prevede azioni di sensibilizzazione e informazione dislocate in numerosi comuni della Regione, come incontri pubblici di formazione ed informazione, attività artistiche per i ragazzi delle scuole medie, realizzazione di opere di “street art” come messaggio permanente per la collettività. Fra i primi appuntamenti, il 7 ed 8 marzo sarà presentato a Taglio di Po e a Polesella, in provincia di Rovigo, il libro “Federica, la ragazza del lago” di Massimo Mangiapelo, in cui si narra la vicenda di una sedicenne uccisa dal fidanzato.
Per Info: presidenza.veneto@auser.veneto.it

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU