Area riservata

Pesaro, sempre più migranti impegnati nel volontariato

Scritto da
20 settembre 2017
gambia

Sempre più migranti vengono impiegati a Pesaro nelle attività di volontariato in base alla convenzioni stipulate tra Auser, gestori delle strutture di accoglienza e Comuni. A tutt’oggi sono 331, circa un terzo dei richiedenti asilo censiti sul territorio provinciale, quelli che hanno accettato di entrare nei progetti avviati sotto la regia della Prefettura. Tra questi una decina provengono dalle case d’accoglienza di Pozzo Alto e Borgo Santa Maria, le località dove i cittadini lamentano una eccessiva concentrazione di migranti. I migranti, di fatto, seguono la manutenzione del 60 per cento delle aree pubbliche di queste frazioni, oltre ad occuparsi della pulizia dell’alveo del fiume Foglia.
Nei giorni scorsi sono stati presentati altri tre progetti di pubblico interesse, utili sia ai profughi che alla collettività. «Il primo si chiama Free, acronimo che sta per Finalizziamo risorse per esperienze etiche – ha spiegato Natale Alessandrini, presidente provinciale Auser – un accordo promosso nel territorio dell’Unione Montana Alta Valle del Metauro per favorire percorsi di formazione professionale e interventi di manutenzione del territorio per prevenire i danni legati alle emergenze climatiche. In particolare, 65 migranti disponibili saranno impiegati a pulire i sentieri segnalati nelle aree protette dell’alto Metauro e gli argini dei fiumi, prevenendo le esondazioni e gli incendi, in collaborazione con i centri Cea che rendono disponibili le guide escursionistiche. In futuro questo intervento verrà esteso al parco del San Bartolo». «Nel centro di accoglienza del Pelingo, al Furlo, è stato invece istituito un centro sportivo dove i ragazzi si allenano al gioco del calcio potendo contare su un allenatore messo a disposizione della Labirinto. Infine, nel centro Casa Freedom 2 è nata una scuola per migranti finanziata dal Ministero, frequentata da 27 giovani, che al termine hanno conseguito un attestato di frequenza.
Fonte: Il Resto del Carlino

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU