Area riservata

Parte il progetto “Social-mente” per dare un futuro alle persone svantaggiate

Scritto da
22 giugno 2016
integrazione-1

Si è tenuta a Roma lo scorso 16 giugno la prima riunione della Cabina di regia del progetto “Social-Mente”. Un incontro molto partecipato che ha visto la presenza di rappresentanti dell’Auser, del comitato scientifico di Auser, dei CPIA e dei Comuni che partecipano al progetto.

Il progetto ha l’ambizioso obiettivo di contattare e coinvolgere in percorsi di crescita culturale un’ampia fascia di cittadini a rischio di esclusione sociale e di analfabetismo di ritorno, anziani ma anche adulti e giovani NEET, prevede la collaborazione a livello territoriale con il sistema scolastico, con i Comuni e con altre associazioni non-profit. Obiettivo strumentale è l’avvio della costruzione di reti territoriali per l’apprendimento permanente così come previsto dall’accordo in conferenza unificata del 10 luglio 2014. Il progetto Social-Mente prevede quattro fasi attuative, caratterizzate dall’integrazione tra attività sociali e culturali di apprendimento formale e non formale.

La cabina di regia ha definito i prossimi passi consistenti nell’avvio a livello locale di incontri tra Cpia, Auser ed Enti Locali per definire un gruppo di lavoro e concordare le iniziative più semplici da cui partire. Un prossimo appuntamento della cabina di regia è fissato per la seconda metà di ottobre 2016.

Il progetto Social-Mente

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU