Area riservata

Le maschere tradizionali africane realizzate dalle volontarie Auser della sartoria solidale di Ostia al Museo Maxxi di Roma

Scritto da
29 ottobre 2014
La Sartoria Solidale dell’Auser di Ostia partecipa con l’Associazione Cherimus ad un progetto che si propone di innescare meccanismi di interazione e sviluppo territoriale attraverso l’arte contemporanea.L’opera a cui la Sartoria Solidale ha partecipato è una riedizione dell’originale gioco dell’oca realizzata dall’artista Marco Colombaioni.

La tradizione delle maschere africane di Mali, Senegal, Nigeria o Gambia ha preso forma nel laboratorio di sartoria solidale dell’Auser Lazio con sede a Ostia, le abilità delle volontarie dell’ Auser, la capacità progettuale delle ragazze del liceo artistico è stata reinterpretata attraverso l’immediatezza estetica delle donne provenienti da Bangladesh e Sudamerica, il tutto in un percorso di conoscenza e confronto teso alla produzione di un’opera condivisa.

Il gioco dell’oca è un percorso che si snoda negli spazi del MAXXI di Roma.

L’Auser Lazio sottolinea l’importanza di queste esperienze che permettono di realizzare

nuove sinergie che hanno nella realtà del territorio la possibilità di crescere e svilupparsi. Il Gioco dell’Oca di Marco Colombaioni -programma di gioco

Esercizi di Rivoluzione, MAXXI, via Guido Reni, Roma  29 Ottobre ore 16.00  30 Ottobre ore 16.00 31 Ottobre ore 19.00.

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU