Area riservata

Foggia, con “L’immagine militante” un laboratorio di linguaggio e produzione multimediale

Scritto da
20 febbraio 2018
foggia-immagine-militante

Ridare luce e visibilità al passato, raccontando la memoria. È questo l’obiettivo de ‘L’immagine militante’, laboratorio di linguaggio e produzione multimediale dell’Auser di Foggia, sotto l’egida dell’Università della Libera Età ‘Silvestro Fiore’ e del sindacato pensionati Spi Cgil di Capitanata. Coordinato da Geppe Inserra, già direttore artistico del Festival del Cinema Indipendente, il laboratorio si articola in momenti di formazione all’uso delle tecniche e degli strumenti multimediali ed attività di produzione vera e propria orientata alla narrazione, allo storytelling, per usare un termine molto alla moda oggi.
Sono diversi i temi che saranno affrontati nel corso del laboratorio, la cui iscrizione è gratuita e può essere effettuata anche direttamente nella sede dell’Auser prima degli incontri. La violenza sulle donne, le video-poesie in italiano e in dialetto di Raffaele De Seneen, Bruno Caravella e Antonio Basta, il racconto della vita di don Antonio Silvestri nella suggestiva location della cripta della chiesa di Sant’Eligio, le struggenti immagini di Foggia e del Gargano del passato. La caratteristica che collega le diverse videostorie è l’utilizzazione di materiali ‘poveri’: fotografie, filmati realizzati con il cellulare, utilizzazione di colonne sonore e materiali non coperti da copyright, per fare in modo che “ognuno possa raccontare la sua storia, che è poi l’obiettivo del corso e del laboratorio”.
Fonte: foggiacittaaperta.it

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU