Area riservata

“Cento donne, cento storie”: a Viterbo la premiazione del concorso letterario

Scritto da
24 maggio 2017
cento-donne

A Piazza Gramsci di Viterbo, una lapide di travertino ricorda un episodio della rappresaglia tedesca contro inermi cittadini. In quel luogo, l’8 giugno del 1944, vennero trucidate tre persone dai nazisti in fuga, due erano uomini, di loro la lapida riporta i nomi, la terza era una donna rimasta sconosciuta. Nessuno ha mai saputo chi fosse, nessuno l’ha pianta. Sulla lapide solo la frase “una donna rimasta sconosciuta”.
Dalla storia di questa donna senza nome l’Auser di Viterbo ha lanciato un concorso  letterario, giunto alla seconda edizione, rivolto ai ragazzi delle scuole superiori della provincia di Viterbo dal titolo “Cento donne, cento storie: storie di migranti rimaste sconosciute”. Un invito rivolto ai giovani a riflettere sulle storie di tante donne migranti che scappano dalle guerre e dalla fame le cui vite finiscono tragicamente nel Mediterraneo o lungo i sentieri della loro fuga. La premiazione dei vincitori del Concorso si terrà a Viterbo  il prossimo giovedì 1 giugno alle ore 9,30 nella sala della Provincia in via Saffi 49.Interviene il presidente nazionale Auser Enzo Costa. Hanno aderito e sostenuto il Concorso: Arci, Casa dei Diritti Sociali della Tuscia, Cgil Roma Nord, Associazione Sans Frontiere. Hanno concesso il patrocinio: Il Prefetto di Viterbo, il presidente della Regione Lazio, il Sindaco di Viterbo.
Per info: 0761-353230 info@auserviterbo.it  www.auserviterbo.it

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU