Area riservata

Brindisi, uno sportello informativo per risolvere i problemi abitativi degli anziani

Scritto da
6 luglio 2016
anziana-casa

Attivare una strategia innovativa sul tema dell’abitare, incentrata su un efficace incontro tra domanda ed offerta e, in particolare, tra i bisogni abitativi e le risorse inutilizzate sia pubbliche che private. Questa la finalità del Protocollo d’Intesa sottoscritto il 27 giugno 2016 da Ance Brindisi (Sezione territoriale dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili) Eridano (Cooperativa Sociale Onlus), SEI (Society, Environment, Economy and Institutions – Associazione di promozione sociale) e Auser presso la sede di coworking Tank in via Schiena a Brindisi.
L’intesa si inserisce in un percorso avviato durante il laboratorio cittadino di innovazione sociale “Brindisi is you” durante il quale è stato approfondito, tra gli altri argomenti, il tema “Nuove Relazioni Urbane”.  Tra gli obiettivi da perseguire si prevede la realizzazione di uno sportello informativo e di ascolto rivolto a tutti i cittadini con reali problemi abitativi.  Questa attività dovrebbe essere portata avanti dall’Auser provinciale Brindisi che, ogni giorno, si confronta e dialoga con molti anziani (per informazioni si può contattare il numero di telefono 3357495873 o recarsi presso il Centro Anziani di Bozzano). Basti pensare ad una persona avanti con l’età, che potrebbe aver bisogno di compagnia o di piccola assistenza e che si ritrova a vivere in un’abitazione diventata ormai troppo grande per le sue esigenze. La strategia dell’incontro tra domanda e offerta consiste proprio in questo: valutare, di volta in volta, le problematiche avanzate dai cittadini, tentando di proporre delle soluzioni, ricorrendo anche ad una nuova concezione di abitazione.  Nel documento si fa poi riferimento alla possibilità di reperire risorse per progetti pilota mirati alla concretizzazione di un nuovo modello generativo, rispetto al quale la bilancia della domanda e dell’offerta sia riequilibrata da una valorizzazione di risorse inespresse o inutilizzate. In tal senso svolgono un ruolo fondamentale Sei ed Eridano che dispongono di risorse umane che hanno già maturato una significativa esperienza nel campo della progettazione. Nei prossimi mesi saranno, inoltre, attivati tavoli di confronto e momenti di analisi e discussione pubblici orientati ad approfondire le tematiche abitative e sociali al fine di implementare un modello di welfare innovativo e sostenibile.

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU