Area riservata

A Monghidoro (BO) nasce il Museo dell’emigrante

Scritto da
6 maggio 2015
museo-migranti

Ricordare che anche noi siamo stati un popolo di emigranti, conoscere le storie dolorose che ci sono dietro questo fenomeno e comprendere così anche la difficile realtà delle persone che oggi sono costrette a migrare nel nostro paese.

Questi gli obiettivi del “Centro di documentazione e  Museo dell’emigrante“, che il prossimo luglio prenderà vita nel comune appenninico di Monghidoro, in provincia di Bologna. Un progetto importante, reso possibile grazie all’impegno dell’Auser locale,  delle tante associazioni di volontariato del territorio e dell’amministrazione comunale, che metterà a disposizione il personale e gli spazi, annessi all’attuale Museo della civiltà contadina.

“Il Museo, oltre a un luogo di conoscenza e documentazione, vuole essere anche e soprattutto un punto di scambio, conoscenza reciproca e incontro tra culture e generazioni  – spiega la coordinatrice Auser di Monghidoro, Vittoria Comellini –  L’obiettivo è infatti promuovere una riflessione sui migranti di ieri e di oggi e offrire la possibilità ai giovani e ai cittadini di origine straniera di conoscere meglio la storia e le tradizioni del nostro territorio. Il tutto incentivando, nel contempo,  la popolazione più anziana a rafforzare affetti e amicizie e facilitare il passaggio di conoscenze, testimonianze, esperienze alle nuove generazioni”.

Maggiori informazioni qui

Categorie articolo:
Notizie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU