Area riservata

Sartorie della solidarietà

solidarieta internazionale
Le sartorie della solidarietà sono una realtà diffusa e consolidata nel mondo Auser.Nate da un’intuizione avuta dall’Auser Toscana circa 20 anni fa, ad oggi se ne contano circa 50 nella sola regione Toscana, per un totale di 800 volontarie, mentre altre realtà sono sorte in Liguria, Sicilia, Lazio.

Le sartorie della solidarietà sono principalmente luoghi di incontro e relazione, nei quali le volontarie liberano la loro creatività cucendo pupazzi, borse, vestitini e tanti altri oggetti di stoffa. Aziende e privati cittadini donano rimanenze di materiali non più utilizzabili tuttavia preziosi per le sartorie che dimostrano la loro abilità dando nuova vita a scampoli di tessuti.

Con le sartorie si è sviluppato nell’Auser un nuovo modo di vivere attivamente la cittadinanza, di partecipare, di fare volontariato. Un modo flessibile, adattabile, poco costoso che valorizza il sapere e l’abilità delle donne tramandati da generazione in generazione. I risultati delle opere delle volontarie sono devoluti a progetti di solidarietà in Italia e nel mondo. Si va dalla collaborazione con la  parrocchia di quartiere, all’adozione a distanza, alla partecipazione a progetti di ONG come Nexus, Intersos, Emergency o di organismi internazionali come l’Unicef. Moltissime delle famose Pigotte, le bambole di pezza per la raccolta fondi dell’Unicef nascono dalle mani delle volontarie dell’Auser.


Arezzo

Arezzo

Ad Arezzo non ci sono sartorie strutturate, le circa trenta volontarie lavorano nella propria abitazione. Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per casa e personali. In sede hanno vari capi di abbigliamento ricevuti in dono da alcune aziende del territorio per contribuire a progetti di solidarietà. L’insieme dei capi confezionati viene proposto durante alcune iniziative sindacali e dell’Auser. Il ricavato contribuisce alla raccolta fondi a favore dell’associazione Auser provinciale.

Anghiari

Le circa dieci volontarie lavorano a domicilio. Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per la casa e personali. Propongono i loro lavori in occasione d’iniziative sindacali e a ricorrenze paesane; il ricavato è devoluto in solidarietà, attualmente favore di bambini cardiopatici, portatori di protesi cardiache, residenti in Etiopia.

Montemignaio

La sartoria è composta di circa venti volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede una volta la settimana, altre lavorano a domicilio.

Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per la casa e personali.

Partecipano a progetti di solidarietà Internazionali e Nazionali.

Propongono i loro lavori al pubblico, due volte l’anno: nel mese di Agosto e in Ottobre, il ricavato è donato in solidarietà. Inviano risorse economiche: all’Unicef, al progetto “Aiutiamo a vivere” a favore dei bambini di Chernobyl, al Calcit di Arezzo, associazione che lotta contro i tumori, alla Misericordia locale.

Subbiano-Capolona

La sartoria della solidarietà di Subbiano-Capolona è la casa di Anna, un’amica che con tanta generosità, da circa dieci anni, mette a disposizione la propria taverna per una decina di volontarie, ed insieme confezionano Pigotte, circa venti all’anno.

Un particolare da sottolineare, le bambole lavorate nella taverna di Anna sono spesso prenotate durante la lavorazione, si potrebbe definire volontariato su ordinazione.

Anna non si limita a trasformare la casa in un laboratorio, ma prepara anche il pranzo per tutte le partecipanti, una consuetudine che dura da anni, un gesto che esprime: solidarietà, amicizia, desiderio di stare insieme e di condividere gioie e dolori.

Empoli

Empoli

La sartoria ha una sede, dove ruotano circa trenta volontarie, una parte di queste progetta e programma il lavoro, procura il materiale, lo distribuisce per la lavorazione e raccoglie i capi realizzati. La maggior parte lavora a domicilio in collaborazione con il gruppo di Gambassi.

L’insieme delle donne lavora maglia e tessuti, produce capi di abbigliamento, coperte, fasce per ferite, Pigotte.

Nel 2010, l’impegno delle volontarie ha dato i seguenti risultati: Unicef Pigotte per un ricavato di 2787 €, Missione Guinea Bissau inviati (5151 capi vestiario), Missione Costa D’Avorio capi inviati (2125), Missione Congo Caritas (1000 capi), alluvione Perù (790 capi), Tanzania capi (859), Filippine capi (419), Colombia capi (257), Centro Mondialità Livorno capi (100).

Organizzano sfilate di bambini per solidarietà.

Partecipano a mercatini con i loro lavori o con prodotti di altre associazioni di volontariato, il ricavato è devoluto all’Unicef, al Telefono Azzurro e parte per contribuire all’acquisto di un’ambulanza in Guinea Bissau.

La sartoria ha oltre 2.500 pezzi di materiale pronto per la consegna. Materiale che sarà donato all’organizzazione umanitaria Intersos, organizzazione che opera a favore delle popolazioni in pericolo, vittime di conflitti armati e di calamità naturali.

Montespertoli

La sartoria è composta di dieci volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede una volta la settimana, altre lavorano a domicilio. Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per la casa, personali, abbigliamento per bambini.

Partecipano a progetti di solidarietà Internazionale inviando i capi prodotti in Bielorussia e in Burkina Faso.

Gambassi

La sartoria è composta di circa otto volontarie che si riuniscono in sede quattro volte la settimana per progettare e programmare il lavoro. I capi sono confezionati nel proprio domicilio. In particolare confezionano abbigliamento per adulti, bambini, intimo per neonati, accessori per la casa e personali.

Partecipano a progetti Nazionali e Internazionali in collaborazione con la sartoria di Empoli.

Propongono parte dei loro lavori in occasione di feste paesane e il ricavato è devoluto in solidarietà: attualmente per la ricerca contro il cancro, in collaborazione con associazioni locali (Empoli e Firenze). Un tenero gesto da segnalare: le volontarie della sartoria donano una rosa a tutti coloro che compiono ottanta – anni, da questa data, il gesto è ripetuto per ogni compleanno.

Firenze

Campi Bisenzio

Il laboratorio impegna dodici volontarie/i in sede, due volte la settimana, altre lavorano a domicilio. Fra le dodici volontarie/i partecipano anche persone con evidenti difficoltà fisiche, che riescono a dare un contributo notevole, molto apprezzato e considerato dall’insieme dei partecipanti “valore aggiunto”.

Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per la casa e personali, abbigliamento, pupazzi.

Partecipano a progetti Nazionali e Internazionali.

Espongono i loro lavori in alcune iniziative locali, il ricavato è donato per progetti di solidarietà, a favore di: Haiti, Pakistan, Swaziland, Congo (costruzione di una scuola – Agata Smeralda -), Matogrosso, Burkina Faso, Parrocchia S. Lorenzo, Tanzania (costruzione di un pozzo).  Le volontarie del Laboratorio, con un gruppo di bambini, hanno costruito orsetti, fornendo prova di professionalità, fantasia e capacità di aggregazione fra generazioni. Questo particolare progetto si è svolto nel mese di Settembre all’interno di un centro Commerciale, durante l’orario di apertura. Gli orsetti erano mostrati al pubblico e donati ai bambini.

Borgo S. Lorenzo

La sartoria è composta di circa sedici volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede una volta la settimana, altre lavorano a domicilio.

Confezionano abbigliamento, accessori per la casa e personali.

In collaborazione con l’amministrazione comunale, e la Società della Salute, stanno realizzando un progetto per offrire abiti a persone indicate dalle assistenti sociali.

Propongono parte dei loro lavori a mercatini, il ricavato è donato in solidarietà. In questo periodo sono impegnate per il progetto “Una nota per” a favore del reparto Maternità-Ginecologia dell’Ospedale di Borgo S. Lorenzo.

Lastra a Signa

Sono quaranta le volontarie che fanno parte del Laboratorio Auser.

Confezionano Pigotte per l’Unicef e una grande varietà di accessori per la casa, e abbigliamento.

Sono particolarmente esperte nel realizzare abiti per bimbi. Ogni anno in collaborazione con le scuole, organizzano un’autentica sfilata di moda, gli abiti sono indossati da bambini alla presenza di un pubblico sempre più numeroso.

I capi confezionati sono donati per progetti di solidarietà Nazionali e Internazionali.

Propongono i loro lavori a mercatini e il ricavato è utilizzato per progetti solidali: adozione di due cammelle da latte per i bimbi del Saharawi, per il progetto costruzione della nuova sede Auser in Abruzzo, contributo ad associazioni dedicate al recupero di bambini celebro lesi e cardiopatici.

Le volontarie oltre la solidarietà svolgono un ruolo culturale molto impegnativo, realizzando vari spettacoli teatrali, rappresentazioni collegate alle esperienze di vita, alla storia del territorio.

Ginestra Fiorentina

La sartoria occupa circa quattordici volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede, altre a domicilio.

Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per la casa e personali. Dipingono cornici per quadri.

Propongono i loro prodotti durante le feste paesane e il ricavato è devoluto per progetti di solidarietà Nazionali e Internazionali. In collaborazione con due associazioni, una laica e l’altra cattolica contribuiscono alla costruzione di una scuola (Università Odontoiatrica) in Africa e aiutano un villaggio in Guinea Bissau. Partecipano alla costruzione della nuova sede Auser in Abruzzo.

Londa

La sartoria è strutturata con circa quindici volontarie, si riuniscono due volte la settimana, una parte lavora in sede, altre a domicilio. Confezionano Pigotte per l’Unicef, costumi per le feste tradizionali e accessori vari. Confezionano calze regalo da donare ai bambini dei paesi di Londa e Dicomano, durante la festa dell’Epifania.

Propongono i loro lavori a mercatini, il ricavato contribuisce alle spese che sostengono per l’autogestione della sede.

San Godenzo

La sartoria è strutturata con dieci volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede due volte la settimana, altre contribuiscono al lavoro dal proprio domicilio.

Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per la casa, abbigliamento personale e abiti medievali per la ricorrenza storica di Dante Alighieri, che si svolge nel paese.

Presentano i loro lavori ai mercatini di Natale, con il ricavato hanno acquistato le macchine per cucire per la sartoria. Inoltre il loro contributo economico è stato decisivo per l’acquisto dell’auto, strumento indispensabile per svolgere i servizi sociali.

Dicomano

La sartoria occupa circa venti volontarie, in una piccola sede, si riuniscono due volte la settimana, programmano, distribuiscono il lavoro che per la maggior parte è svolto a domicilio.

Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per la casa e personali. Presentano i loro lavori durante le feste paesane e il ricavato è devoluto per progetti di solidarietà internazionale: adozione di sei bambini in Burkina Faso, contributo per la scolarizzazione e costruzione di pozzi in Sahawi.

Pontassieve

La sartoria è composta di sessanta volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede due volte la settimana, altre lavorano a domicilio. Il personale interno è composto anche da ragazze diversamente abili, facenti parte di un progetto di reinserimento. Confezionano Pigotte per l’Unicef, costumi e stemmi storici, abiti per bambini e una grande varietà di accessori per la casa e personali.

I capi confezionati sono inviati a progetti solidali, Nazionali e Internazionali. Una parte, in collaborazione con le Missioni, è inviata in Burkina Faso e in Guinea Bissau, l’altra parte, attraverso il progetto “Roma insieme”, è donata ai figli delle donne carcerate di Rebibbia.

Espongono parte dei lavori a feste paesane e il ricavato è devoluto in beneficenza a società di Mutuo soccorso locali.

Rufina

La sartoria è composta da nove volontarie, sei si riuniscono nella loro sede, due volte la settimana, le altre tre lavorano a domicilio. Confezionano: Pigotte per l’Unicef, biancheria ospedaliera per Emergency, abbigliamento, accessori per la casa e personali. Il materiale lavorato è destinato a progetti di solidarietà Nazionali ed Internazionali,

Propongono i loro lavori a feste paesane,  il ricavato è devoluto in solidarietà, in Italia ai terremotati dell’Aquila, all’estero, in collaborazione con la Misericordia di Rufina, inviano denaro al reparto di cardiologia di un ospedale in Burghina Faso.

Sesto Fiorentino

La sartoria “Arte nelle mani” è composta di venti volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede, altre a domicilio. Ricamano, lavorano a maglia, in particolare, confezionano accessori per bambini. Propongono i loro lavori a mercatini e il ricavato è devoluto a progetti di solidarietà Nazionali e Internazionali: hanno adottato due bambini in Burkina Faso, inviano risorse a Medici senza frontiere, alla Ricerca, all’Ospedale pediatrico Mayer di Firenze.

Grosseto

Tutte le sartorie del Comprensorio, in accordo con l’amministrazione provinciale e l’Ospedale, hanno partecipato con le loro Pigotte, al progetto Unicef, “Un bambino nato e un bambino salvato”.

Ribolla

La sartoria è composta di circa ventidue volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede due volte la settimana, altre lavorano a domicilio. Sono punto di riferimento per le altre sartorie della Provincia, alle quali distribuiscono il materiale necessario per le varie lavorazioni.

Confezionano Pigotte per l’Unicef. Partecipano a un progetto con la Diocesi di Makeni in Sierra Leone che fra l’altro ha lo scopo di costruire scuole, progetto “Vicini di Banco lontani”.

Presentano i loro lavori a feste paesane e il ricavato è devoluto a progetti solidali.

Roccastrada

A Roccastrada  è nata recentemente la sartoria, è formata da dieci volontarie; lavorano in una sede  messa a loro disposizione dall’amministrazione comunale. Confezionano  Pigotte per l’Unicef, abbigliamento vario, personale e per la casa.

In collaborazione  con il Laboratorio di Ribolla partecipano a progetti di solidarietà Internazionali e Nazionali

Grosseto città

La sartoria occupa dieci volontarie, confezionano Pigotte per l’Unicef. Si stanno organizzando per attuare nuovi progetti, in conformità con Ribolla.

Gavorrano

La sartoria è composta di quattro volontarie. Si riuniscono in sede una volta la settimana, spinte dal desiderio di passare un pomeriggio insieme. Si confrontano, progettano il lavoro, che viene svolto da ognuna nella propria abitazione. Confezionano Pigotte per l’Unicef.

Capalbio

Le circa sei volontarie, lavorano nella sede Auser (Centro Sociale Argento Vivo).

Confezionano Pigotte per l’Unicef.

Follonica

Il laboratorio di manualità del Filo d’argento impegna circa quindici volontarie guidate da una pittrice e da una esperta in sartoria. Si riuniscono in un’aula scolastica, abbastanza centrale, dove svolgono attività di pittura su sassi; stoffa; carta.  Fanno lavori di maglia uncinetto e cucito per accessori personali e per la casa che figurano poi come premi nella nostra annuale Pesca di Beneficenza il cui ricavato è devoluto in solidarietà locale (autofinanziamento) e internazionale con l’adozione a distanza di un  minore attraverso l’AVSI e, attraverso la CARITAS, di due lettini presso un ospedale pediatrico in Congo.

Collaborano con una cooperativa di disabili nell’allestimento delle Pigotte : i ragazzi imbottiscono le sagome;   le socie Auser le rivestono di tutto punto e dipingono la faccia.

Livorno

Nel territorio di Livorno e bassa Val di Cecina, con il progetto “Tessere Reti”, cofinanziato dalla Provincia di Livorno, sul Bando Francesca Romano del 2009, sono state ampliate le attività svolte nelle sedi in cui già esistevano i laboratori di cucito e ne sono stati creati dei nuovi. Gli obiettivi sono stati principalmente due: da un lato si sono realizzati momenti in cui donne di diverse età, diversamente abili, di culture e provenienze diverse s’incontrano intorno ad un tavolo, davanti ad una macchina per cucire o ad un piccolo telaio per apprendere o insegnare tecniche di lavorazione della lana, del cotone e dello spago. Per le anziane l’incontro è un momento di forte recupero di un ruolo attivo, di valorizzazione dei saperi conservati, d’impegno che spezza l’isolamento quotidiano e combatte le forme di depressione tipiche dell’età senile. Dall’altro lato, questi spazi sono teatro di una tessitura di emozioni, pensieri, reti di solidarietà, confidenze tali da creare, tra le donne partecipanti, una collaborazione e un’intimità durature anche oltre le mura dei laboratori.

Livorno

La sartoria occupa circa 18 volontarie due delle quali immigrate. Si riuniscono una volta la settimana presso la sede Auser Filo d’Argento, svolgono lavori di cucito, maglia, uncinetto, ricamo. I loro lavori: borse fiori, accessori per la casa, vengono esposti nei mercatini e in mostre durante particolari eventi della città di Livorno.

Collesalvetti

La sartoria è composta di dodici volontarie di cui due diversamente abili. Si riuniscono tre volte la settimana presso la sede Auser Soccorso Verde Argento, svolgono lavori di: decoupage, ricamo, uncinetto, macramè, chiacchierino, maglia.

Espongono i loro lavori in mercatini e mostre a Collesalvetti e nei paesi limitrofi. Con le donazioni sostengono progetti di solidarietà, Nazionali e Internazionali.

Hanno in atto due adozioni: un bambino in Saharawi e uno in Argentina; contribuiscono al progetto della ricostruzione in Abruzzo.

Rosignano

La sartoria è composta di quindici volontarie di età diverse (due novantenni), una diversamente abile e una inserita in un progetto di recupero, seguita dall’assistente sociale. Si riuniscono una volta la settimana presso la sede Auser Filo d’Argento. Svolgono lavori di uncinetto, confezionano tovagliati, borse, e abitini. I lavori vengono esposti in vari mercatini e mostre; gli abiti sono donati ai bimbi che ne hanno necessità.

Cecina

La sartoria occupa circa quattordici volontarie una parte si riunisce e lavora due volte la settimana presso la sede Auser Filo d’Argento, altre lavorano a domicilio. Producono accessori per la casa e personali, espongono i loro lavori a mercatini. Confezionano Pigotte a favore dell’Unicef, per i seguenti progetti: “A Natale adotta una Pigotta” e in collaborazione con l’amministrazione comunale e l’Ospedale di Cecina “Un bambino nato e uno salvato”. Progetti utili per vaccinare i bambini africani.

Donoratico

La sartoria occupa undici volontarie di cui quattro della Comunità Marocchina. Si riuniscono una volta la settimana presso la sede Auser Verde Soccorso Argento. Confezionano Pigotte per l’Unicef, abiti per un gruppo di bambini del Saharawi che trascorrono le vacanze estive a Donoratico. Le volontarie svolgono lavori di ricamo, uncinetto, maglia, pittura su stoffa per tovaglie e magliette.

Propongono i loro lavori in varie iniziative, fra le quali la festa annuale dell’Auser, con il ricavato partecipano a progetti di solidarietà. Hanno inviato donazioni per la ricostruzione di abitazioni, distrutte da calamità naturali, ad Haiti e in Abruzzo.

Lucca

Lucca

La sartoria è composta di circa dieci volontarie si riuniscono due volte la settimana.

Confezionano Pigotte per l’Unicef, abiti storici per la contrada S. Paolino, accessori per la casa e personali.

Propongono i loro lavori durante le feste del paese, il ricavato è devoluto a progetti di solidarietà Nazionali e Internazionali. In collaborazione con associazioni locali inviano risorse in: Burkina Faso per la costruzione di un Ospedale, in Ruanda, “Amata Africa” per installare pannelli solari e computer; inoltre fanno donazioni all’associazione “Viaggio del fanciullo” di Lucca.

Gallicano, La sartoria si sta riorganizzando.

Pisa

Santa Maria a Monte –  Montecalvoli

Le volontarie sono circa venti, la maggioranza lavora a domicilio, altre si riuniscono in sede due volte la settimana. Confezionano Pigotte, accessori per la casa e personali in particolare per neonati. I capi prodotti sono devoluti per progetti solidali Nazionali e Internazionali.

Propongono i loro lavori a feste paesane e il ricavato è utilizzato per solidarietà. Donano risorse economiche a Emergency, e all’Ospedale Majer di Firenze.

Contribuiscono a quattro adozioni, con due progetti specifici: uno in collaborazione con il Movimento Shalom S. Miniato (Burghina Faso), l’altro, assieme ad un Parroco, Bhalo-Basa (India).

Fornacette.

La sartoria ha una sede, nella quale cinquanta volontarie si riuniscono a rotazione due volte la settimana, una parte lavora in sede e altre a domicilio. Confezionano: Pigotte per l’Unicef ( nell’anno 2010 ne hanno realizzate 700), abbigliamento e una grande varietà di accessori, personali e per casa, infine migliaia di bende per Lebbrosari.

In accordo con il Comune e l’Unicef si sta consolidando il progetto per l’adozione di una piccola bambola di pezza per ogni nuova nascita, “Un bambino nato e una vita salvata”.

I capi prodotti, in gran parte, sono donati per solidarietà Nazionale e Internazionale.

Inviano centinaia di capi in Guinea Bissau, a favore di un Ospedale di maternità-Ginecologia, gestito da suor Valeria Amato.

In occasione dell’Unità d’Italia hanno confezionato 100 coccarde.

Propongono parte dei loro lavori a feste e fiere paesane, il ricavato è devoluto per vari progetti, alcuni gestiti dall’Auser Nazionale, da Intersos, altri direttamente dalla sartoria: Emergency, la ricerca contro il cancro, i terremotati dell’Abruzzo, il progetto sulla legalità “Liberarci dalle Spine” e altre necessità locali.

Durante le vacanze estive le volontarie accolgono nella sartoria bimbe che frequentano le scuole elementari e insegnano loro l’arte del cucito e del ricamo.

Le volontarie, non si incontrano solo per svolgere lavori di sartoria, una volta la settimana si riuniscono per il solo piacere di stare insieme.

In collaborazione con altre associazioni, propongono e partecipano ad iniziative sociosanitarie, in questo periodo stanno terminando un progetto dal titolo ” Donne Informazione- Donne e Salute”, dedicato alla cura del corpo femminile e alla prevenzione dei tumori.

Nel 2010 la sartoria, allo scopo di valorizzare i lavori e le immagini delle volontarie ha pubblicato un catalogo intitolato “Ago Filo Forbici e Solidarietà”.

Calcinaia

La sartoria è nata da poco tempo, pertanto opera in collaborazione con la sede di Fornacette condividendo le stesse finalità: socializzare, tramandare vecchi mestieri, fare solidarietà Nazionale e Internazionale. E’ formata da circa venti volontarie che si riuniscono e lavorano in sede, solo una piccola parte lavorano a domicilio.

Fucecchio                                           

La sartoria è composta di tre volontarie, Producono Pigotte per l’Unicef.

Volterra

La sartoria è composta di tre volontarie, che lavorano nel proprio domicilio, confezionano Pigotte per l’Unicef.

Piombino

Piombino

La sartoria è composta di sedici volontarie che si riuniscono in sede una volta la settimana.

Producono Pigotte per l’Unicef e abbigliamento vario. Partecipano a progetti Nazionali e Internazionali, parte dei capi sono inviati in Africa, altri sono distribuiti in Italia a fronte di calamità naturali. Propongano i loro lavori a feste paesane e il ricavato è utilizzato per progetti di solidarietà.

Suvereto

La sartoria è composta di sei volontarie lavorano accessori personali e per la casa.

Partecipano a feste paesane con i loro prodotti, il ricavato è devoluto a progetti di solidarietà.

A Suvereto esiste un piccolo Museo comunale, fra le opere in mostra, ci sono alcune Bambole confezionate dalle volontarie della sartoria.

Venturina

La sartoria è composta di dieci volontarie che si riuniscono in sede una volta la settimana.

Producono Pigotte per l’Unicef e accessori per la casa.

Propongono i loro lavori a feste paesane e il ricavato è devoluto a progetti sulla ricerca.

(Ricerca contro il Cancro)

Pistoia

Agliana

La sartoria occupa circa quindici volontarie, una parte si riunisce e lavora una volta la settimana, altre lavorano a domicilio. Confezionano accessori per la casa e personali. Propongono i loro lavori a mercatini e il ricavato è devoluto in vari progetti di solidarietà. In particolare collaborano con associazioni locali: “Melan”, “Insieme”, “Pantarein”, con quest’ultima in collaborazione con il Comune a sostegno di ragazzi diversamente abili. Altre risorse sono donate ai bambini di Chernobyl.

Pieve a Nievole

La sartoria occupa dieci volontarie è impegnata in lavori: di cucito, ferri, uncinetto, ricamo, tombolo, scultura, pittura.

Propongono i loro lavori a mercatini e il ricavato è devoluto in progetti di solidarietà.

Prato

Vaiano

La sartoria di Vaiano è la prima che si è costituita in Toscana, è nata venti anni fa nel garage di una volontaria. Un gruppo di donne decisero di riunirsi per stare insieme e occupare il loro tempo libero per aiutare i bambini del Terzo Mondo. Un aiuto che non voleva essere puro assistenzialismo, ma un tentativo di creare, con il loro piccolo sostegno degli aiuti duraturi; aiuti, per permettere a quelle popolazioni lo sviluppo necessario per vivere serenamente nei paesi di origine.

La sartoria si è sviluppata sostenuta dagli imprenditori di Prato, che non hanno mai fatto mancare il materiale necessario. Nel corso degli anni, sono decine le sartorie costituite con il contributo importante del gruppo di Vaiano, pilastro storico dell’associazionismo femminile.

In questo periodo le volontarie sono ventiquattro, una parte si riunisce e lavora in sede, altre lavorano a domicilio.

Confezionano Pigotte per l’Unicef, abbigliamento per bambini, accessori personali, per la casa e vari prodotti particolari. In occasione della rievocazione storica di Galileo Galilei, hanno confezionato gli abiti per i vari personaggi In questo periodo si sono dedicate alla realizzazione di centinaia di coccarde, per i festeggiamenti dell’Unità d’Italia.

Propongono i loro lavori a iniziative pubbliche, il ricavato è devoluto per progetti solidali, Nazionali e Internazionali. Nell’ultimo anno sono stati raccolti e donati settemila euro all’Ospedale di Prato, Altre risorse sono state inviate ad Emergency e alla ricerca di Ttelethon.

Vaiano. Loc. Tignamica

La sartoria occupa quindici volontarie, una parte si riunisce e lavora cinque volte la settimana, altre lavorano a domicilio.

Confezionano accessori personali e per la casa, in particolare si dedicano alla lavorazione dei tappeti e del ricamo.

Propongono i loro lavori a feste paesane e il ricavato è devoluto in progetti di solidarietà: contributo all’Ospedale Mayer di Firenze e al centro Tumori Pitigliani di Prato.

Vernio

La sartoria è stata costituita con l’obiettivo prioritario di integrare le donne di varie nazionalità, per questa motivazione s’intitola, “Le donne per le donne del mondo”. Occupa trenta volontarie, quindici italiane, le altre immigrate, si riuniscono due volte la settimana.

Confezionano capi di abbigliamento, accessori per la casa e personali, in particolare si dedicano alla riparazione dei capi: cerniere, orli, aggiustature varie.

Tutti i loro lavori, sono dedicati a progetti di solidarietà locali, compreso il ricavato di quanto realizzano partecipando ai mercatini durante le feste paesane.

Le volontarie organizzano e partecipano a iniziative culturali (Teatro).

Montemurlo, (Prossima apertura)

Siena

Abbadia S. Salvatore

La sartoria occupa ventotto volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede due volte la settimana, altre lavorano a domicilio.

Producono Pigotte per l’Unicef, abbigliamento per bambini, accessori per la casa e personali.

In accordo con le scuole materne presentano gli abiti confezionati durante la festa annuale dell’Auser, i bimbi indossano gli abitini, realizzando un’autentica sfilata di moda solidale.

Inoltre confezionano i costumi per i componenti la scuola di ballo del paese (Odissea 2001). Partecipano a progetti di solidarietà Nazionali e Internazionali: inviano abiti in Albania, Bielorussia, Congo e in Brasile per i bambini di strada. In accordo con il Comune e l’Unicef aderiscono al progetto ” Un nuovo nato e una vita salvata”.

Propongono i loro lavori a mercatini, il ricavato è donato per progetti solidali, in questo periodo, contribuiscono alla ricostruzione di una scuola in Abruzzo.

Valdarno Superiore

Laterina, La sartoria si sta riorganizzando.

Pergine

La sartoria è composta di quattordici volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede una volta la settimana, altre a domicilio. Confezionano Pigotte per l’Unicef, accessori per la casa e personali.

Propongono i loro lavori a mostre e mercatini locali, il ricavato donato all’Auser di Pergine è stato utilizzato per l’acquisto di due auto, necessarie per svolgere il servizio sociale.

Figline

La sartoria, costituita per confezionare abbigliamento e Pigotte, dopo alcuni anni, si è ristrutturata e adesso è attiva come scuola di ricamo.

Incisa

La sartoria è composta di dieci volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede una volta la settimana, altre lavorano a domicilio.

Confezionano accessori per la casa, in particolare si dedicano al ricamo.

In accordo con l’amministrazione comunale confezionano costumi per i bambini delle scuole, indumenti necessari per le recite scolastiche.

Propongono i loro lavori in occasione di feste paesane e donano il ricavato in azioni solidali; da alcuni anni hanno adottato due bambini in Burkina Faso.

Montevarchi

La sartoria è composta di circa quindici volontarie, una parte si riunisce e lavora in sede, due volte la settimana, altre lavorano a domicilio.

Hanno cucito e ricamato i gonfaloni dell’Auser Toscana, dimostrando una grande professionalità.

Confezionano Pigotte per l’Unicef, abbigliamento per bambini, accessori per casa e personali.

Partecipano a progetti di solidarietà Internazionali: i capi confezionati sono inviati in Burkina Faso, in questo periodo lavorano indumenti di lana per i bambini di Chernobyl.

Durante la festa paesana, espongono al mercato, parte dei loro prodotti a offerta libera e il ricavato è devoluto per vari progetti di solidarietà; in questo periodo, contribuiscono alla costruzione della “Casa dei Bambini Gesù” di Betlemme.

Rignano sull’Arno

La sartoria è composta di dieci volontarie, si riuniscono due volte la settimana. Confezionano Pigotte per l’Unicef, abbigliamento intimo per bambini, in particolare per neonati, accessori vari per la casa e personali.

Partecipano a progetti di solidarietà Internazionale, attualmente inviano i capi confezionati in Burkina Faso.

Espongono i loro lavori durante le feste paesane e il ricavato ricevuto è donato in beneficenza, ad Emergency e per altre necessità locali.

Terranuova (Prossima apertura)

Versilia

Pietrasanta

La sartoria si sta organizzando; per il momento, quattro volontarie lavorano a domicilio, confezionano abbigliamento e biancheria  per bambini. Parte dei  capi prodotti verranno donati ad INTERSOS.


MENU