Area riservata

Una società che rispetti la vecchiaia

Scritto da
5 aprile 2017
dav

Enzo Costa: “Siamo il paese più vecchio d’Europa ma guardiamo ai cambiamenti demografici con paura e miopia”

IX Congresso Nazionale Auser

Salerno, 5-7 aprile 2017 Grand Hotel Salerno
Lungomare Clemente Tafuri 1

Salerno, 5 aprile 2017
Alla presenza di circa 300 delegati provenienti da tutta Italia   si sono aperti  oggi, mercoledì 5 aprile al Grand Hotel di Salerno i lavori del IX Congresso Nazionale Auser dal titolo “Insieme sempre più forti”.
Un’associazione che ha percorso 28 anni di storia, di solidarietà, di impegno per valorizzare il ruolo degli anziani nel nostro Paese. Un’associazione  in crescita che mobilita ogni giorno  quasi 45mila volontari, che coinvolge in attività di socializzazione e cultura oltre 300.000 iscritti nelle sedi che hanno raggiunto quota 1543.
L’Auser  costituita  da Cgil e Spi Cgil, mette in moto orgoglio e passione di migliaia di cittadini di tutte le età, un’associazione senza barriere, aperta, inclusiva, attenta ai bisogni di chi è più fragile e rischia di restare indietro. Un’associazione che spesso fa fatica a rispondere alle tante richieste di aiuto, segno di un Paese che sta ancora facendo i conti con una crisi economica e sociale che si alimenta ogni giorno con nuove tematiche.

“Era inimmaginabile un arretramento sociale come quello che stiamo vivendo – ha detto il presidente Enzo Costa nella sua relazione introduttiva – Il risultato di questa splendida modernità è sotto gli occhi di tutti: cresce la povertà, la disoccupazione giovanile viaggia sul 40%, diminuiscono i servizi alla persona, una vita di lavoro per i giovani non corrisponderà a una pensione dignitosa, la qualità della vita degli anziani regredisce anno dopo anno.
Il sistema di Welfare italiano è profondamento mutato, emerge ormai un modello in cui le logiche universalistiche appaiono indebolite e sempre meno efficienti, un modello in cui la maggioranza delle famiglie potrà contare su meno servizi. Siamo a fianco della Cgil e dello Spi per affermare che una nuova stagione che riconquisti i diritti perduti è possibile, ripartire dai diritti del lavoro significa avere una visione sociale che mette al centro la persona e in subordine il mercato.  Senza lavoro per i giovani muore l’economia generale, muore l’Italia e si rischia un vero e proprio scontro fra generazioni. Una società che rispetta il lavoro rispetta anche la vecchiaia, rispetta la persona”.

L’attività dell’Auser si muove nel bel mezzo di un importante cambiamento demografico. L’Italia ha conquistato il primato di Paese più vecchio d’Europa  con il 21,7% della popolazione con più di 65 anni e  con oltre 3 milioni di over 80.  Dati che potrebbero essere letti in positivo, ma  il risvolto della medaglia racconta che dopo i 65 anni cresce il fenomeno della non autosufficienza  che si impenna dopo gli 80 anni:
“Oggi abbiamo circa 2 milioni e mezzo di anziani afflitti da limitazioni funzionali – ha ricordato Costa – La spesa per l’assistenza di lunga durata passerà da 1,9% del Pil nel 2015 a 3,2% nel 2060. Nonostante questi dati diminuiscono gli anziani presi in carico nei servizi, sia nelle strutture residenziali che i percettori di indennità di accompagnamento La spesa per servizi sociali per anziani di regioni e comuni dal 2009 al 2013 è diminuita del 7,9%. Un vero dramma per molti anziani e le loro famiglie”.
I dati della ricerca Auser “domiciliarità e residenzialità per l’invecchiamento attivo” presentata  recentemente a Roma parlano di oltre 561mila famiglie indebitate per pagare l’assistenza ad un non autosufficiente e di sempre meno comuni che offrono il servizio di assistenza domiciliare.
“L’insieme dei dati  – prosegue Costa – ci dice che il nostro Paese affronta la sfida del cambiamento demografico con preoccupante ritardo e grande miopia. Per questo riteniamo che una legge che si occupi dell’invecchiamento della popolazione coinvolgendo gli anziani in attività di pubblica utilità e di formazione permanente attraverso il mondo delle associazioni, a partire da quelle come l’Auser che da anni già praticano queste politiche, non sia più rinviabile”.
Per l’Auser l’invecchiamento attivo è il nuovo paradigma da perseguire, nella piena convinzione che la vecchiaia va considerata come un età libera, non come un periodo di declino, è un’età in cui ci si può dedicare alla propria soggettività, rivalutare se stessi attraverso la realizzazione di attività che si rivolgono a far del bene agli altri, ricostruendo una vita di relazioni, impegno sociale, corretti stili di vita, apprendimento, attività ludiche e, in una società che diventa multietnica, rapporti e integrazione con le altre culture e solidarietà con i più giovani
“sono questi i terreni su cui sviluppare e realizzare l’invecchiamento attivo insieme alle politiche della domiciliarità perché siamo convinti che se riusciamo a tenere le persone nel proprio domicilio è possibile costruire una qualità della vita migliore” ha ribadito Costa.
La centralità del territorio e la persona, una scelta che guarda al futuro e può aiutare a ricostruire comunità solidali. E’ la strada maestra su cui si muoverà sempre più l’Auser. A partire da questo IX Congresso Nazionale si impegna con nuovo slancio organizzativo a fare di più, ad entrare nei quartieri delle grandi città nelle periferie dove le storie di emarginazione e solitudine sono più forti e diffuse; a fondare un circolo Auser in ogni comune italiano per diventare punto di riferimento per le persone di tutte le età.
“Le associazioni Auser nei territori sono il nostro cuore pulsante, è il territorio il punto centrale della dimensione politica ed organizzativa della nostra associazione”.

Il progetto di crescita dell’associazione punta all’estensione del servizio di aiuto alla persona filo d’Argento migliorando gli strumenti informatici e aumentando i punti di ascolto, lavorando sempre di più  sui bisogni delle persone e costruendo momenti di socializzazione attraverso percorsi culturali, turistici, dello sport e attività motorie, collaborando alla gestione dei beni comuni e dei beni pubblici. A valorizzare  le attività di Volontariato Civico in un modello partecipato che coinvolga le comunità e favorisca il rapporto tra generazioni.
Altro fronte è quello dell’affermare il diritto di apprendere in tutte le età come fattore di benessere, “dobbiamo sviluppare la rete delle nostre università popolari, ogni nostro circolo o sede deve diventare un luogo dove si produce cultura, apprendimento rivolto principalmente alla popolazione anziana ma non solo”.
Un’Auser che sappia allargare sempre più le sue attività verso l’accoglienza delle popolazioni migranti e  contribuire a dar vita a una società fondata sul pieno rispetto dei diritti umani, che rifiuta la costruzione di nuovi muri e costruisce le condizioni per l’integrazione e l’accoglienza.

Programma:

5 aprile
Apertura dei lavori ore 14.00; intervento di Franco Buccino presidente Auser Campania. Saluti del sindaco di Salerno Vincenzo Napoli , di Arturo Sessa  Camera del Lavoro Cgil Salerno, di Gerardo Barrella Spi Cgil di Salerno. Alle ore 15.10 è prevista la relazione introduttiva del presidente nazionale Enzo Costa. Alle 16.10 saluti di: Conny Reuter segretario generale Solidar; Vincenzo De Luca (*) presidente regione Campania; Claudia Fiaschi portavoce forum nazionale terzo settore, Adriano Musi presidente nazionale Ada, Sofia Rosso presidente nazionale Anteas, Giuseppe Spadaro  commissario regionale Cgil Campania. Ore 17,30 intervento del prof. Emilio Vergani della Lumsa di Palermo su “costruire visioni”; alle ore 18.00 Ivan Pedretti segretario generale Spi Cgil.

6 aprile
Ore 9.00 ripresa dei lavori e dibattito. Alle ore 12.30 intervento del prof. Andrea Volterrani docente università Tor Vergata di Roma;14.30 ripresa dei lavori e dibattito, ore 16.00 presentazione della ricerca “Domiciliarità e Residenzialità per l’invecchiamento attivo a cura di Claudio Falasca; ore 16.45 dibattito; 18.45 consegna dei bollini di qualità alle università e ai circoli culturali auser.

7 aprile
Ore 9.00 ripresa dei lavori e dibattito; 10.30 intervento di Susanna Camusso  Segretaria Generale CGIL; 12.00 Conclusioni di Enzo Costa; 12.30 adempimenti congressuali.

Il Congresso  è  raccontato  in diretta su   Twitter e Facebook attraverso l’hashtag  #congressoauser

Ufficio Stampa: Giusy Colmo 348-2819301 ufficiostampa@auser.it

Categorie articolo:
Comunicati stampa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU