fbpx

Area riservata

Verso la rete di Auser Cultura in Toscana

Scritto da
20 marzo 2020
laptop-notebook

di Renato Campinoti, Coordinatore Auser Cultura Toscana

Il 4 Febbraio 2020 si è tenuta la riunione dell’Area Apprendimento Permanente di Auser Toscana, introdotta dal vicepresidente regionale e responsabile dell’Area Renato Campinoti, presieduta da Simonetta Bessi, Presidente Auser Toscana e conclusa da Fabrizio Dacrema, responsabile nazionale di Auser Cultura.

Di fronte ad una numerosa presenza di responsabili territoriali e di presidenti di Circoli e Udel, la relazione di Campinoti si è soffermata su tre aspetti principali:

  1. La necessità di dare vita, in tutte le Associazioni territoriali della Toscana, all’Area Cultura con alla testa un responsabile e partecipata da tutte le Associazioni dedite all’attività culturale. E’ questo un percorso già avviato in molte delle 14 Associazioni territoriali della nostra realtà regionale. Ora, anche in vista dell’avvio della fase Congressuale di Auser, si tratta di nominare un responsabile in tutte le realtà e, al tempo stesso, dare vita a riunioni in tutti i Territoriali. L’obbiettivo è “fare rete” tra tutte le Associazioni impegnate in attività culturali e fare della “rete” lo strumento per conoscere e arricchire l’attività culturale di tutti.

  2. La seconda necessità nasce dalla constatazione dei punti di forza e di debolezza della presenza di attività culturali di Auser in Toscana, più forte nei comuni e nei territori di provincia, più debole in alcune realtà cittadine, anche significative, come Firenze, Pisa , Livorno, Massa ecc. A questo proposito Auser Toscana ha istituito un fondo di modesta entità ma che vuole rappresentare un incentivo ulteriore per l’impegno dei Territoriali a superare questi punti deboli della nostra presenza culturale.

  3. Constatato che la nostra presenza in quest’area contribuisce a rafforzare il nostro ruolo anche nelle realtà associative e istituzionali (dal Forum del Terzo settore, alla Regione Toscana, ai vari Comuni dove esercitiamo la nostra attività), si pone la necessità di sentirsi parte integrante della rete nazionale di Auser Cultura, sia partecipando ai momenti di verifica nazionale, che collaborando tutti alla avviata esperienza della newsletter dedicata alla Cultura da parte di Auser nazionale, come pure partecipando, come sta avvenendo per alcuni di noi, al Corso nazionale di Emersori di Competenze nel Terzo Settore, anch’esso avviato da Auser Cultura nazionale.

Il dibattito ha visto una partecipazione numerosa di dirigenti locali e territoriali, dal presidente di Auser Fiesole, a quello di Udel Mugello, ai presidenti o responsabili territoriali del Valdarno, di Prato, di Pistoia, di Grosseto, di Arezzo, dell’Empolese Valdelsa, di Livorno, di Lucca per proseguire con esperienze locali come Auser Ex libris di Sesto Fiorentino, di Bettolle, di Campi Bisenzio, di Sant’Albino. Tutti, oltre a raccontare le loro esperienze, hanno sottolineato l’utilità di costruire “reti” sui temi culturali in tutte le realtà Territoriali, dichiarando, come poi è avvenuto, la loro disponibilità a mettere in calendario le prossime riunioni nei territori.

Nell’intervento della Presidente regionale Simonetta Bessi, è tornato con forza il tema del “fare rete” e dell’informazione verso ilo mondo esterno, come condizione di accrescere il nostro ruolo nei territori.

Fabrizio Dacrema, nelle sue conclusioni, ha sottolineato l’importanza di riunioni come questa e ha incoraggiato tutti a procedere sulla organizzazione a livello dei territoriali di tale attività, ciò anche in vista del prossimo congresso di Auser che continuerà ad assumere l’Area dell’Apprendimento Permanente come una delle più significative di quelle in cui strutturare l’attività dell’Associazione.

Categorie articolo:
AttivaMente

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU