Area riservata

Anno 13 numero 11- 24 marzo 2010

Scritto da
25 maggio 2010

Agenzia settimanale – Anno 13 numero 11? mercoledì 24 marzo 2010

L’Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.

Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it

AUSERINFORMA

AUSER, AL VIA A MESTRE IL PROGETTO “RESIDENZA APERTA”
Con la proiezione del film prodotto da Auser “Con tocco lieve – i tempi e i luoghi delle donne a Venezia” è iniziato a Mestre il progetto “Residenza aperta”, promosso dalla direzione delle Politiche sociali in collaborazione con Città solidale, le associazioni di Spazio Mestre solidale e l’Antica scuola dei Battuti “per portare – spiegano gli organizzatori – la città dentro la Casa di riposo”. Il progetto prevede una serie di iniziative culturali negli spazi della Casa di riposo mestrina “Antica scuola dei Battuti”. Con il cortometraggio prodotto da Auser “Centro Storico di Venezia” e dalla Vetrina del Volontariato si è raccontata la vita delle donne a Venezia cogliendone momenti significativi. Uno sguardo attento ma al tempo stesso leggero su partecipazione e solidarietà. Il progetto proseguirà nei prossimi mesi con una serie di appuntamenti teatrali e musicali e con delle mostre, rivolti non solo agli ospiti della Casa di riposo, ma anche ai cittadini “per continuare a fare sentire gli anziani non esclusi, ma ancora parte del tessuto sociale”.
 
CIVITAVECCHIA, ALLA SCOPERTA DEGLI ETRUSCHI, CON IL SOSTEGNO DELLA REGIONE LAZIO
Conferenze e visite guidate per scoprire insieme la storia degli Etruschi: l’ Auser territoriale di Civitavecchia, con il sostegno della Regione Lazio, organizza per tutto il mese di aprile e per maggio una serie di incontri per una conoscenza più approfondita dei siti archeologici della zona, con particolare riferimento a Cerveteri, patrimonio Unesco. Le conferenze e le visite saranno illustrate dagli archeologi della cooperativa Kuros.
Per informazioni Auser Territoriale Civitavecchia Via Santa Barbara, 5 ausercivitavecchia@libero.it tel: 0766.25719 www.ausercivitavecchia.it
 
PIACENZA. E’ NATA LA CASA DELLE ASSOCIAZIONI. SARA’ GESTITA DALL’AUSER
E’ partita l’attività della Casa delle Associazioni del Comune di Piacenza. La struttura, gestita interamente dall’Auser, si trova in via Musso 5. All’inaugurazione erano presenti il sindaco di Piacenza, Roberto Reggi, gli assessori del Comune, Sergio Danese, presidente Auser. La Casa delle Associazioni al momento ospita 21 realtà, ma ha ancora buoni margini, ha sottolineato Danese, per accogliere altri sodalizi. L’accordo sottoscritto tra Comune e Auser prevede che a questi ultimi spetti la segreteria e il controllo della struttura: le associazioni possono utilizzarne gli spazi comuni per riunioni e altre attività. “Stiamo sperimentando un modello inedito di gestione – ha detto il sindaco Reggi -, modello sicuramente da esportare”.
 
DOLO (VE). DOLO DAKAR, UNA CORSA PER LA VITA
“Dolo – Dakar, una corsa per la vita” è la denominazione del progetto promosso dall’Auser di Dolo che, per completare la costruzione di un ospedale, ad aprile si recherà a Cambèrène in Senegal. Lunedì scorso un altro container dell’Auser è partito con materiale sanitario (vestiario, carrozzine) e giochi, oltre ad una culla termostatica, un’apparecchiatura per la dialisi e un mammografo fornito dall’Asl 13. Ad aprile 5 volontari Auser (Loredana Bettini, Gianni Coin, Loido Mosco, Massimo Mion e Roberta Nalon) si recheranno in Senegal per completare la consegna del materiale all’ospedale di Cambèrène e attivare l’attività ospedaliera che sarà supervisionata da Dionisio Kumba, medico che da diversi anni vive a Dolo.
 
ROMA. AUSER LAZIO ALLE OLIMPIADE CITTADINE DI GIOCHI E SPORT NEL VERDE
Nei giorni 7, 14, e 21 marzo 2010 si è tenuta a Roma promossa dal Comune, la manifestazione Green Games – Olimpiadi cittadine di Giochi e Sport nel verde. Il progetto Green Games nasce per sensibilizzare i cittadini allo sviluppo responsabile e sostenibile incoraggiando il consenso ai valori sociali propri dello sport come il rispetto delle regole, all’avversario e dall’altro in genere, l’aggregazione e l’incontro tra persone differenti per età, cultura o estrazione sociale, l’importanza di una costante attività fisica abbinata ad una corretta alimentazione. Verrà riservata una particolare attenzione alla Categoria Over 60 attraverso una cerimonia di premiazione esclusiva e la realizzazione di giochi, sport e tornei idonei alla socializzazione e all’incontro. L’Auser Lazio ha partecipato attivamente a questa manifestazione, dando un contributo all’organizzazione della Dama Vivente ed ha avuto uno spazio – coinvolgendo i bambini all’ascolto di fiabe raccontate e lette da un volontario Auser.
 
LATISANA (UD). SERVIZIO DI TRASPORTO PER ANZIANI, GRAZIE AI VOLONTARI DELL’AUSER
Un contributo a favore della mobilità delle persone in difficoltà, soprattutto anziani soli, è frutto dei volontari di tre sedi Auser. I dettagli del progetto, qualche giorno fa, sono stati presentati dai volontari delle sedi di San Michele al Tagliamento e Latisana, Muzzana del Turgnano, Pocenia e Teor e della sezione Stella & Tagliamento per Palazzolo dello Stella, Precenicco e Ronchis, assieme ai rappresentanti della Coop nordest, partner del programma patrocinato dalle otto amministrazioni comunali coinvolte. A partire dal prossimo 22 marzo, per tre pomeriggi la settimana (lunedì, mercoledì e venerdì), i volontari dell’associazione Auser accompagneranno, in alcune destinazioni prestabilite, le persone che intenderanno usufruire del servizio di trasporto. Un aiuto, non un servizio taxi, per quelle persone impossibilitate a trasferirsi, per raggiungere luoghi dove si svolgono attività di socializzazione, in modo autonomo. I servizi sociali dei comuni aderenti al progetto forniranno tutte le informazioni relative al servizio, finalizzato a migliorare la qualità della vita facilitando l’incontro e la socializzazione.
 
CORMONS (GO). REGALATI DA COOP NORDEST ALLE FAMIGLIE BISOGNOSE I PRODOTTI IN SCADENZA
Il ricavato ammonta a 6.433 euro dei prodotti in via di scadenza che la Coop Nordest di Cormons ha messo a disposizione, tramite l’Auser, della Caritas per aiutare le fasce di popolazione più in difficoltà con l’operazione “Brutti ma buoni”. E’stato reso noto nel corso dell’incontro svoltosi nella sede parrocchiale alla presenza di Mauro Grion, consigliere della Coop Nordest, Giuliana Gianello e Bruno Castello in rappresentanza dell’Auser e del parroco mons. Sergio Ambrosi. La quota maggiore di merce vicina alla scadenza, destinata alla Caritas, divise per reparto, è consistita di salumi e latticini (5676,52 euro in tutto), mentre il resto ha riguardato surgelati, gastronomia, pane, pasticceria e generi vari. Fondamentale sul territorio l’accordo con l’Auser per distribuire alla Caritas il materiale. “Una volta alla settimana un volontario della nostra associazione – ha evidenziato la Gianello – raccoglie il materiale e lo porta alla Caritas e alle famiglie bisognose indicateci dal Comune. Le iniziative rivolte alle fasce più deboli però non si ferma qui: chi è in cassa integrazione o ha subito un licenziamento può svolgere una spesa alla settimana alla Coop Nordest di Cormons e ottenere uno sconto del 10%”. I numeri della crisi sono evidenziati maggiormente dalle cifre esposte da mons. Ambrosi. “Fino a qualche tempo fa – ha detto – settimanalmente venivano a chiederci un aiuto economico per pagare le bollette e comprarsi da mangiare una decina di famiglie; oggi questo numero è triplicato e aumenta sempre più col passare del tempo. I cormonesi sono sempre più in difficoltà”.
 
BILANCIO VERDE PER L’ATTIVITA’ AUSER FIUMICELLO
L’Auser di Fiumicello chiude il 2009 con un bilancio dell’attività di volontariato decisamente positivo. Tante attività promosse per la cura del verde pubblico in numerose zone della città. Manutenzione dei locali usati dalle persone disabili , vigilanza nelle scuole, organizzazione di gite, eventi, mostre. Nel corso dell’ ultimo anno l’associazione Auser ha promosso importanti iniziative come la “Giornata ecologica” e la “Festa dell’anziano” che hanno coinvolto centinaia di persone permettendo alla fasce più deboli della popolazione di socializzare e trascorrere il loro tempo in compagnia uscendo dalla solitudine e rendendosi utili alla comunità.
 
MEDICINA (BO). ARTE E TRADIZIONE IN CUCINA
Riprendono al Centro Diurno Anziani “Vita Insieme” di Medicina gli incontri con gli “Insegnanti con i Capelli Bianchi.” L’arte della tradizione in cucina si ripropone sabato 27 marzo, con le Insegnanti Marta, Teresa e Berlinda che impartiranno la seconda lezione sulla preparazione degli gnocchi. Numerosi laboratori si svolgono dalle 9.45 alle 11.30 presso il Centro Diurno di Medicina in via Saffi 1. Tante attività anche i bambini purchè accompagnati da un adulto.
Per informazioni tel. 051.850386.
 
IN GARA TRA I TESORI ARCHEOLOGICI DI AQUILEIA
La federazione Orienteering Tullio Lenarduzzi , la protezione civile e Auser hanno promosso e organizzato una gara tra i tesori archeologici di Aquileia rivolta ai ragazzi delle scuole medie e non solo. Un percorso alla ricerca dei reperti e dei monumenti per individuare la mappa dei siti archeologici della città. Una giornata che ha riunito tutti in un grande pranzo comune e una bellissima premiazione dei ragazzi alla presenza del sindaco Alviano Scarel del vice sindaco Luciano Cicogna, dell’assere alla cultura Anna Piorar e dell’assessore provinciale al turismo Franco Mattiussi.
 
VIBO VALENTIA. AUSER NELL’ IMPEGNO CONTRO OGNI FORMA DI RAZZISMO
L’Auser di Vibo Valentia continua ad offrire assistenza sociale in particolare servizi agli anziani. Ma oggi si schiera in prima linea anche nella battaglia di civilità contro ogni forma di razzismo. L’associazione nel corso nell’ultimo anno si è impegnata contro le tendenze razziste e xenofobe purtroppo presenti in alcuni strati della popolazione italiana. Comune, Provincia, Questura, Prefettura hanno rinnovato un elevatissimo numero di permessi di soggiorno e regolarizzato molte situazioni lavorative. Un risultato di rilevanza sociale e psicologica di vicinanza agli immigrati.
 
AUSER FRIULI. NUOVA SEDE PER I VOLONTARI DI CODROIPO
I volontari dell’ Auser di Codroipo attualmente collocati nell’ex scuola elementare di Piazza Dante si trasferiranno nella ristrutturata casermetta Moro in viale Duodo già sede del Comando della polizia municipale. Questo favorirà la sinergia tra le attività degli agenti e dei volontari . Le amministrazioni locali rinnovano così il loro supporto ad Auser che ha realizzato progetti di cultura, tutela dell’ambiente, educazione e formazione permanente, vigilanza nei pressi delle scuole, preservazione del patrimonio pubblico. Un risparmio economico e una bella collaborazione. Tel. 347-4107224 – ausermediofriuli@libero.it
 

 

ANZIANI E DINTORNI

UN TEST PER PREVENIRE L’INSORGERE DELLE MALATTIE
Una ricerca tutta italiana, lombarda, ha portato alla messa a punto di un test che consente di prevenire l’insorgere di determinate malattie suggerendo condotte alimentari e di vita più idonee. Nutri Gene Code è il nome del test che permette una mappatura del genoma, basata su sette metabolismi del nostro corpo. La medicina individua i fattori genetici utili a identificare alcune caratteristiche mediche e fisiche del processo di invecchiamento, ovvero il processo di invecchiamento è scritto nel nostro patrimonio e dice a cosa siamo predisposti. Un tampone viene applicato sulla bocca e preleva alcune cellule dalla sua mucosa. Dall’analisi si scoprono particolari predisposizioni a malattie come il diabete, l’alzheimer, disturbi coronarici,ipertensione. Il medico può così formulare una strategia di alimentazione mirata per prevenire invece che correre ai ripari.
Per informazioni: www.ngc.it
 
LA CULTURA E’ TERAPEUTICA, AD OGNI ETA’
Sempre più uomini e donne si rivolgono alla chirurgia estetica, prevale l’ideale di bellezza e di vigoria atletica. Ma c’è un segnale positivo in controtendenza: contrastare l’aggressione del tempo con le virtù morali, con il pensiero, con l’opera letteraria. La letteratura di oggi ospita numerosi over: da Andrea Camilleri a Philip Roth. Gli scrittori della terza età, da qualcuno definiti “gerontolescenti” pubblicano un libro dopo l’altro sono ipercreativi. Alcuni mesi fa Transeuropa ha mandato in libreria “Over-age apocalittici e disappropriati”, undici esordi narrativi di over 65. Elisir di lunga vita, l’attività intellettuale, non è pensionabile.
 

 

ASSOCIAZIONISMO VOLONTARIATO TERZO SETTORE

ALMALAUREA: XII INDAGINE SULLA SITUAZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI ITALIANI
Almalaurea rende noti i risultati della XII Indagine sulla condizione occupazionale dei laureati italiani presentata a Cosenza. Lievita la disoccupazione fra i laureati triennali dal 16 al 22% ma anche fra i laureati magistrali dal 14 al 21%. Questo peggioramento si registra indipendentemente dal percorso di studio. Diminuisce il lavoro stabile, le retribuzioni, già modeste, si riducono. La media italiana è di 19 laureati su 100 ragazzi di età compresa tra i 24 e i 34 anni. A fronte di questo scenario, il Terzo settore è in controtendenza. Da dieci anni è l’unico bacino occupazionale in crescita. L’occupazione nel settore è raddoppiata e offre esperienze di qualità. La cosa preoccupante è il modo in cui i media rappresentano il settore, non esiste una comunicazione chiara ed attrattiva per i giovani talenti che li richiami in questa direzione.
 
PROGETTO ” 100 GIOVANI PER LA PACE”
Il progetto “100 giovani per la pace” è stato ideato durante il Seminario nazionale di preparazione della Marcia che si è svolto ad Assisi il 26 e 27 febbraio scorso. Si propone di raccogliere 100 storie, provenienti da tutta Italia, di “giovani che stanno cambiando e cambieranno il mondo”. Avranno modo di incontrarsi e raccontarsi a Perugia, dal 13 al 15 maggio, durante il Forum della pace e poi domenica 16 maggio partecipando alla Marcia Perugia – Assisi.
Per ulteriori informazioni sul progetto, che è coordinato dall’associazione “Terra del fuoco”: Tel. 388.6572998 – mail: 100giovaniperlapace@terradelfuoco.org (www.terradelfuoco.org -www.perlapace.it)
 
“ANFFAS IN PIAZZA”: III GIORNATA NAZIONALE DELLA DISABILITA’ INTELLETTIVA E RELAZIONALE
Domenica 28 marzo 2010 Anffas Onlus sarà nelle principali piazze italiane con la manifestazione nazionale “Anffas in Piazza – III Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e/o Relazionale”. L’Associazione opera da più di 50 anni per la tutela dei diritti umani e civili delle persone con disabilità affinché sia loro garantito l’accesso e la piena partecipazione, in situazioni di pari opportunità, a tutti gli ambiti della vita. Le ultime vicende di cronaca narrano di episodi di intolleranza, violenza e bullismo, come la creazione di un gruppo sul social network facebook “Giochiamo al tiro al bersaglio con i bambini down”. Occorre una seria riflessione in merito alla deriva sociale e culturale che la nostra società sta vivendo per recuperare il rispetto per le diversità. La manifestazione ha dunque lo scopo di sensibilizzare ed informare i cittadini sui temi legati alla disabilità.
Info: Tel. 06.3611524 int. 15 – Cell. 348.2572705 – roberta.s@anffas.net
 
RIFUGIATI: SENZA ALLOGGIO NON C’E’ PROTEZIONE!
Martedì 30 Marzo 2010 alle ore 9.30 presso la sala di Liegro, Palazzo Valentini, Provincia di Roma, (Via IV Novembre, 119a ) si terrà il convegno finale del Progetto “Domus”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con il fondo dell’otto per mille dell’IRPEF devoluto dai cittadini alla diretta gestione statale per l’anno 2007. Il progetto si è posto l’obiettivo di garantire ai rifugiati e alle persone in protezione sussidiaria e umanitaria un effettivo diritto all’alloggio attraverso un qualificato lavoro di accompagnamento e mediazione sociale. Sono stati interessati alle attività 4 diversi territori: Roma, Milano, Caserta e Crotone. Il Progetto ha avuto il sostegno del Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno. Parteciperanno Claudio Cecchini, Assessore della Provincia di Roma alle Politiche Sociali e della Famiglia,Sandra Sarti, Vicedirettore Centrale per i Servizi Civili dell’Immigrazione e l’Asilo del Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione, Ministero dell’Interno,Marina Bozzoni e Valeria Carlini, Coordinamento centrale Progetto Domus CIR,Pina Deiana, psicoterapeuta e psicologa del Progetto Vi.To., Valter Reggiani, Area Casa CNEL, Mario Di Carlo, Assessore alle Politiche per la Casa, Regione Lazio, Diego Salvi, Fondazione Casa Amica onlus di Bergamo, Marzia Casolari, Associazione Xenia di Bologna, Ugo Biggeri, Fondazione Banca Etica.Modera i lavori Christopher Hein, Direttore del CIR.
Per informazioni: Tel 06.69200114 – e.mail cirstampa@cir-onlus.orgwww.cir-onlus.org
 
TERRES DES HOMMES LANCIA LA CAMPAGNA “FUORI I BAMBINI DALLE CARCERI ITALIANE!”
Sono migliaia le donne detenute costrette a crescere il proprio bambino con la certezza della separazione al compimento del terzo anno d’età. In base all’attuale ordinamento, i bambini dagli 1 ai 3 anni stanno in carcere con la madre salvo poi essere allontanati La legge n. 40/2001 prevede il diritto agli arresti domiciliari per le mamme già condannate se non esiste il rischio di recidiva e se hanno già scontato un terzo della pena. Questo esclude la stragrande maggioranza delle detenute, molte non hanno un domicilio dove scontarli,sono in attesa della pena definitiva o hanno commesso reati per i quali c’è un pericolo di recidiva. Se il Disegno di legge 18141, fermo in Commissione Giustizia dal 2008, venisse approvato, queste mamme potrebbero essere accolte in apposite “Case famiglia protette”, in grado di assicurare la protezione dei bambini che crescerebbero accanto alle madri, almeno fino ai 10 anni di età. Terre des Hommes, organizzazione attiva da 50 anni nella difesa dei diritti dell’infanzia, e Bambinisenzasbarre, associazione impegnata da oltre un decennio nel sostegno, tutela e mantenimento della relazione genitoriale in detenzione, per la prima volta insieme, promuovono la Campagna “Fuori i bambini dalle Carceri italiane!” e chiedono al Parlamento Italiano di approvare rapidamente la proposta di legge n.18141. La questione dei bambini detenuti con la mamma e di quelle migliaia che entrano ogni giorno in carcere per incontrare i propri genitori detenuti rappresenta un tema di salute pubblica e responsabilità sociale che coinvolge tutti e ci indica che la prigione non interessa solo chi sta dentro ma anche chi sta fuori. Per informazioni: http://www.terredeshommes.it/
 

 

Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU