fbpx

Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 23 numero 7 – 19 febbraio 2020

Scritto da
19 febbraio 2020
testata_agenzia

Agenzia settimanale – Anno 23 numero 7– mercoledì 19 febbraio 2020
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


Auserinforma

LEGGE PER L’INVECCHIAMENTO ATTIVO, INCONTRO CON LA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI
Si è tenuto questa mattina presso la XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati un incontro che ha coinvolto il presidente nazionale Auser Enzo Costa insieme a Anteas, Ada, Spi Spi,Fnp e Uilp sul tema della legge per l’Invecchiamento Attivo.

UNA SOCIETA’ A MISURA DI ANZIANI: ITALIA E TURCHIA SI CONFRONTANO
Il prossimo 20 febbraio a Roma a partire dalle ore 10.00 fino alle 17, 30  presso la Fondazione Brodolini in via Solferino 32, si terrà la Tavola Rotonda del progetto “Cooperazione tra le Organizzazioni della società civile per gli anziani”. L’evento è promosso da la Fondazione Brodolini, Auser Nazionale e la Social Policy and Development Association nell’ambito del programma di Dialogo della Società Civile EU-Turchia, in occasione della visita studio delle Organizzazioni della Società Civile Turche operanti nel settore degli anziani in Italia. Numerose le organizzazioni che prenderanno parte all’iniziativa, fra gli altri da parte italiana parteciperanno: Italia Longeva, Abitare e Anziani, Forum del Terzo Settore, Alzheimer Uniti, L’Inrca e la Comunità di Sant’Egidio, Senior Italia.
L’evento sarà in lingua italiana e turca con la mediazione di un’interprete.

GIOIA TAURO (RC), AUSER IN RETE PER LA PIANA
“Auser in rete per la Piana” è il progetto di Servizio Civile Universale messo in campo dall’Associazione di Volontariato Auser Territoriale di Gioia Tauro (RC) e dall’Arci Servizio Civile Lamezia Terme-Vibo Valentia per l’anno 2020.
Un progetto importante e ambizioso che vede l’impegno di quattro giovani volontari nel territorio pianigiano, dove l’Associazione opera da oltre dieci anni, che si inserisce nel percorso intrapreso dall’Auser nel coinvolgimento della cittadinanza attiva e della società civile nell’erogazione dei servizi tesi al soddisfacimento di bisogni sociali e sanitari rivolti agli anziani.
Il principale obiettivo è quello di una ricaduta socio‐culturale del progetto all’interno del territorio con l’obiettivo di offrire la possibilità di uno scambio intergenerazionale, dando agli anziani l’occasione di avere l’aiuto di persone giovani e motivate. Mentre per l’operatore volontario si apre la prospettiva di un percorso di crescita personale attraverso la costruzione di relazioni significative sulla base di valori condivisi, quale quello della solidarietà.
“Auser in rete per la Piana” servirà quindi a dare risposte differenziate sia di assistenza di base, volte a garantire le necessità primarie dei beneficiari, sia a promuovere e sostenere la rete dei servizi presenti sul territorio. Il Progetto vuole essere una proposta capace di garantire una maggiore accessibilità a servizi di sostegno dell’autonomia personale, inseriti in una logica di stimolo partecipativo alla vita di relazione.
Per i giovani volontari pertanto sarà un’esperienza formativa complessa che spazia da modalità di analisi all’organizzazione di un servizio, dalla relazione con persone anziane in difficoltà, alla relazione con le istituzioni locali, dalla capacità di ascolto all’attivare i soggetti necessari per la risposta positiva del bisogno.
Tra le tante iniziative che verranno realizzate nel corso dell’anno sociale, uno Sportello di aiuto/ascolto per anziani per ricevere informazioni e assistenza per il disbrigo di piccole commissioni, e al quale ci si può rivolgere per avere compagnia e uscire dalla solitudine. Lo Sportello è attivo nei comuni di Taurianova (ogni martedì dalle ore 9.00 alle ore 13.00), San Pietro di Caridà (ogni mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 13.00), e Gioia Tauro (ogni giovedì dalle ore 9.00 alle ore 13.00).
Fonte: zmedia.it

BELLUNO, UN IMPEGNO CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ANZIANE
Violenza sulle donne. Se ne parla? Mai abbastanza. Ne è convinta Auser che da più di trent’anni è impegnata a diffondere la cultura della non violenza e del rispetto reciproco, per dare un contributo importante alla battaglia per i diritti e le condizioni di vita delle donne, contrastando discriminazioni, stereotipi e tabù culturali. Una donna over 65 su cinque subisce violenze e abusi domestici. In Italia sono più di sette milioni le donne che hanno superato i 65 anni e che si possono considerare come la fascia più vulnerabile, perché fragili due volte, sia come genere che come età. Sono loro ad essere vittima principalmente di abbandono e incuria, che spesso significa privazione o sottrazione di beni alimentari, vestiario, medicine, accentuandone la marginalità e l’autonomia. Su questo fronte, coi suoi volontari dei 20 Circoli bellunesi, Auser opera quotidianamente nell’aiuto alle persone anziane e nella sensibilizzazione sul tema sia con azioni personali che in collaborazione con Istituzioni ed associazioni. Ne è un esempio  simbolico la “Panchina Rossa” installata lo scorso anno col patrocinio dei Comuni, nel parco Città di Bologna a Belluno e di fronte alla chiesa di Sospirolo, ricadente nel progetto TACI – acronimo di Teatro, Arte, Cultura, Inclusione – che si rinnoverà anche nel 2020 per educare al riconoscimento del problema della violenza di genere, soprattutto verso le donne anziane, ma anche per accompagnare le potenziali vittime e la comunità verso una presa di coscienza collettiva di questa problematica. Come non poteva, quindi, Auser Belluno non raccogliere l’invito della Questura alla collaborazione nell’ambito della campagna “Questo non è amore”? L’iniziativa del concorso promosso dalla Polizia di Stato con l’Istituto “Catullo” di Belluno, inauguratasi ieri con la mostra delle opere esposte nel chiostro della scuola, trova quindi Auser partecipe e perfettamente in linea con la sua mission associativa, desiderosa di sviluppare collaborazioni future attraverso la sua rete.

VOGHERA (PV), ARRIVANO GLI STATI GENERALI CONTRO IL GIOCO D’AZZARDO
A Voghera (PV) arrivano gli stati generali sul gioco d’azzardo per proseguire la campagna di prevenzione contro la ludopatia. L’appuntamento con “Voghera be smart!” organizzato da Libera Voghera, Cgil e Auser è per giovedì 27 febbraio, dalle 10 alle 17, nella sede Auser di via Famiglia Cignoli. All’evento, di particolare significato, parteciperanno numerosi esperti, persone ed organismi impegnati nel contrasto delle ludopatie e rappresentanti di amministrazioni che cercano di contrastare il gioco d’azzardo. Nel corso della giornata sarà presentata la campagna “Voghera be smart”, con le richieste di Libera ai candidati sindaci sulla regolamentazione e l’adesione alla piattaforma Smart del Monopolio di Stato. Si tratta di un portale digitale al quale tutti i Comuni possono connettersi rilevando la dimensione del fenomeno nel proprio territorio: vengono messi in rete non solo dati sintetici (capitali impegnati e dimensione media delle giocate comune per comune) ma anche topografici, con l’esatta distribuzione, via per via, della presenza di spazi e strumentazione utilizzata dai “giocatori”. «Su questa base dati -spiegano i relatori- sarà possibile stendere un efficace Regolamento comunale che punti al massimo alla riduzione del danno, individuando ex ante luoghi sensibili e popolazione “debole”.
Fonte: La Provincia Pavese

SCANDICCI (FI), UN PREMIO LETTERARIO INTITOLATO ALLA GIOVANE ALESSIA RIZZI
Alessia Rizzi è morta nel giugno 2019 a 16 anni dopo aver lottato contro una lunga malattia. La studentessa frequentava il liceo linguistico dell’istituto ‘Russell-Newton’ di Scandicci ed era andata in Austria per tentare alcune cure che però non sono bastate a evitarle il decesso. L’associazione Auser ha scelto di tenere vivo il suo ricordo e di renderle omaggio intitolandole un premio letterario, in cui tema è “l’amore per la vita” le passioni, il coraggio di andare oltre i propri limiti, volersi bene nonostante tutto, giorni tristi e giorni felici. Il concorso è rivolto agli alluni della scuola secondaria di primo e secondo grado ed è articolato in due sezioni: poesia e racconto breve. Per quanto riguarda la sezione poesia. È possibile partecipare con un solo componimento inedito di non più di 60 versi. Per il racconto breve, ogni concorrente potrà partecipare con un solo racconto breve inedito di non più di 4 cartelle. Per cartella si intende una facciata di foglio A4 dattiloscritta, in caratteri Times corpo 12 ed interlinea a 1,5. I lavori verranno raccolti dall’insegnante di classe e forniti alla giuria in forma anonima. I premi del concorso per il I, II e III classificato per la sezione poesia e per la sezione racconto breve in ciascuna delle due categorie partecipanti saranno buoni libro per la somma di 300 euro (I° classificato/a), 200 euro ( II° classificato/a) e 100 euro ( III° classificato/a) rispettivamente, per entrambi gli Istituti. La premiazione è prevista per il 5 prossimo 5 giugno. Il bando è pubblicato sui siti delle scuole che hanno aderito all’iniziativa: l’istituto comprensivo Baccio da Montelupo e il Russel di Scandicci.
Per maggiori informazioni è possibile contattare l’associazione Auser al numero: 0571 51161.
Fonte: Comune di Montelupo Fiorentino – Ufficio Stampa

CASERTA, XI EDIZIONE DEL PREMIO LETTERARIO FILO D’ARGENTO
Auser Caserta ha lanciato il bando per l’undicesima edizione del premio letterario Filo D’Argento. L’iniziativa è gratuita e aperta a tutti e nell’ottica della promozione di un continuo e significativo dialogo intergenerazionale il concorso è aperto anche ai giovani e alle scuole.
Il tema è libero e le sezioni previste sono cinque: prosa adulti, poesia adulti), poesia “giovanissimi”(riservata a concorrenti di età non superiore di 14 anni), poesia “giovani” (riservata a concorrenti di età compresa fra i 15 e i 21 anni) e infine la sezione dei versi in lingua napoletana, riservata indistintamente a tutte le età.
Per partecipare basta inviare il componimento all’indirizzo filodargento2020@libero.it entro il 30 marzo 2020.

CASSAGO BRIANZA (LC): “CONOSCERE, APPRENDERE E COMUNICARE PER VIVERE L’INTEGRAZIONE”
Un concentrato di mondo al Centro sociale di Oriano a Cassago Brianza (LC), trasformata in una sorta di scuola e insieme di nursery, con mamme che studiano, i loro figli più piccoli che dormono nel passeggino e quelli più grandi che svolgono i compiti, durante il corso di italiano per stranieri e di integrazione organizzato dai volontari di Auser Brianza Casatese, nell’ambito del progetto “Conoscere, apprendere e comunicare per vivere l’integrazione». L’iniziativa è promossa da Regione Lombardia con il Cpia di Lecco. Le volontarie, tra cui molte ex insegnanti, offrono alle «studentesse» un insegnamento individualizzato: alcune sanno già un poco di italiano, altre invece sono analfabete e i bisogni sono quindi molto diversi e richiedono un’attenzione differente. Per permettere alle mamme di partecipare si offre anche la cura dei bambini, assistiti dalle volontarie con una babysitter dei servizi complementari. Sono promossi però anche incontri con insegnanti, medici, operatori dell’Amministrazione comunale. «Un’occasione per tutti per conoscersi, far cadere i pregiudizi», spiega il presidente Auser Claudio Dossi.
Fonte: Il Giorno

VAIANO (PO), L’INTEGRAZIONE PASSA PER LA LINGUA E LA CUCINA
Auser – Sartoria di Vaiano e Vernio (PO) , con la collaborazione della Cooperativa Pane & Rose e dei due comuni, organizzano dei corsi di lingua italiana per persone adulte di origine straniera. Protagoniste sono una trentina di volontarie (fra loro c’è un solo uomo) che vogliono condividere la ricchezza della lingua italiana con persone adulte di origine straniera. Tra queste ci sono diverse ex insegnanti che con curiosità si sono rimesse in gioco in questo nuovo ruolo: insegneranno la lingua, ma condivideranno anche esperienze, come quella di cucinare. Si calcola che nei tre Comuni della Val di Bisenzio circa il 10% dei residenti sia rappresentato da cittadini nati all’estero. Animatrici del progetto sono le presidenti di Auser di Vaiano e Vernio, Sandra Ottanelli e Stefania Giagnoni, con Mila Macchi, insegnante e consigliera comunale a Vaiano. «Abbiamo dato con convinzione il sostegno a questo progetto perché l’integrazione passa dalla condivisione delle esperienze e la lingua è una di queste, forse la più importante», spiegano gli assessori al sociale di Vaiano e all’istruzione di Vernio, Giulio Bellini e Alessandro Storai. «Su questo fronte servirebbero scelte coraggiose a livello nazionale e risorse per i Comuni che però non ci sono. Anche stavolta l’alleanza tra le istituzioni e la generosità del volontariato ha permesso di rispondere con efficacia, concretezza e tanta solidarietà a un bisogno vero».
Fonte: La Nazione

BORGO VALBELLUNA (BL), INCLUSIONE SOCIALE A FAVORE DEI BAMBINI STRANIERI
A Borgo Valbelluna (BL) un progetto di inclusione sociale a favore dei bambini stranieri, in collaborazione con la Società operaia di mutuo soccorso di Lentiai, Auser Il narciso e l’istituto comprensivo di Mel-Lentiai.
La giunta, nei giorni scorsi, ha deliberato di organizzare «il Progetto di inclusione sociale rivolto ai bambini stranieri della Scuola Primaria di Lentiai e Villapiana, che presentano gravi lacune dal punto di vista della conoscenza della lingua italiana, tali da compromettere il loro rendimento scolastico.
Di partecipare all’iniziativa fornendo supporto ai vari enti coinvolti, promuovendola, coinvolgendo le famiglie degli alunni stranieri della scuola primaria di Lentiai e Villapiana e raccogliendo le iscrizioni sia dei bambini stranieri che frequentano il laboratorio di lingua italiana con supporto nell’elaborazione dei compiti scolastici sia delle donne straniere che partecipano al laboratorio di maglieria per le mamme di questi alunni ed eventualmente altre signore straniere interessate, al fine di favorirne l’integrazione sociale».
In concreto si parla di un laboratorio linguistico, da realizzare con l’aiuto di insegnanti in pensione, rivolto ai bambini stranieri della scuola Primaria di Lentiai e Villapiana, che hanno difficoltà con la lingua italiana. L’iniziativa è in svolgimento nella sede dell’Auser di Lentiai e si concluderà alla fine dell’anno scolastico. Questi i giorni e gli orari: ogni mercoledì pomeriggio per gli alunni frequentanti la Scuola Primaria di Villapiana dalle 14.30 alle 16.30 e ogni sabato mattina per gli alunni frequentanti la scuola primaria di Lentiai dalle 9 alle 11.
Fonte: Il Gazzettino

SAN PROSPERO (MO), NASCE UNA NUOVA SEDE AUSER
Auser ha inaugurato nei giorni scorsi, nel territorio di Modena, la nuova sede di San Prospero presso la Camera del Lavoro, in via Salvo D’acquisto. Presenti i volontari, il sindaco Sauro Borghi, Michele Andreana presidente provinciale di Auser Modena e Paola Luppi coordinatrice della zona Spi Cgil di Mirandola. Del progetto di aprire una sede di Auser a San Prospero se ne parlava da circa un anno e ora è finalmente realtà. La sede sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12. Al momento i volontari sono 8 e il gruppo partirà con le attività di accompagnamento e trasporto sociale, ma l’obiettivo è di ampliarsi e aumentare anche i servizi. Per informazioni e prenotazioni si può contattare il 345.6057596. «L’apertura della sede di Auser è un segnale di grande senso civico – ha detto il sindaco Borghi -. Le amministrazioni comunali fanno fatica a svolgere questi servizi, quindi l’opera dei volontari assume un’importanza notevole». Con questa inaugurazione sono 33 le sedi di Auser sparse in tutta la provincia, ma sono in programma, nei prossimi mesi, nuove aperture. «La presenza di tante sedi di Auser – ha detto Andreana – è la dimostrazione che il nostro territorio non si rassegna alla deriva individualista e che ha una grande ricchezza: i tanti volontari che si occupano concretamente degli altri. I servizi dell’Auser di San Prospero partiranno domani con il trasporto sociale in collaborazione con la sede di Cavezzo. Al momento San Prospero dispone di un’auto e nei prossimi giorni arriverà anche un mezzo donato da una cittadina».
Fonte: Il Resto del Carlino

“ARTE PER NON STARE IN DISPARTE”: BILANCIO POSITIVO PER IL PROGETTO DI AUSER GALLARATE (VA)
«Siamo davvero soddisfatti e contenti dei risultati ottenuti in questa prima fase del progetto “Arte per non stare in disparte “». Lo dice il presidente di Auser Gallarate, Renato Losio, dopo aver tracciato un bilancio «più che positivo» dei primi sei mesi dell’ iniziativa. Il pensiero è condiviso anche dalla vicepresidente e responsabile del progetto, Gabriella Ciambelli: «Il nostro obiettivo è creare, al termine di un percorso di formazione, uno spazio-incontro rivolto a persone, giovani o adulti, che vivono una situazione di fragilità sia fisica sia psicologica ed emotiva». L’ iniziativa, che ha preso il via a ottobre 2019 e durerà un anno, è frutto di un lavoro in rete promosso da Auser Insieme di Busto Arsizio e Gallarate. Evolvere, Officina025, 26×1-Circolo Gagarin e Naturart, e coinvolge 3 istituti superiori il Falcone ed i Licei di viale dei Tigli a Gallarate ed il liceo artistico Candiani a Busto Arsizio. A Gallarate il progetto consiste in un laboratorio di teatro-terapia, cofinanziato da Regione Lombardia, che nella seconda fase vedrà 32 studenti e 3 docenti dell’ Ic Dante, 3 volontari di Auser e l’ educatore di Naturart entrare nel vivo del laboratorio espressivo. «Prima i ragazzi si sono focalizzati sull’ aspetto teorico ora», continua Ciambelli. Impareranno cosa vuol dire fare teatro-terapia». L ‘ iniziativa ha incuriosito anche il sindaco Andrea Cassani: «Attività come questa servono ad aiutare chi si trova in difficoltà, ma allo stesso tempo formano nel processo di crescita sia artistica sia personale e danno la possibilità di scoprire da vicino il valore del volontariato». L’ interesse dell’ amministrazione è confermato anche da Losio: «Questo è un arricchimento per tutti, perché lo spazio sarà messo a disposizione della città».
Fonte: La Prealpina

MONTELUPO FIORENTINO (FI): “BELLA CIAO” E I CANTI DI PROTESTA
Nuovo appuntamento al MMAB – Museo della Ceramica di Montelupo Fiorentino  (FI) mercoledì 19 febbraio. Alle 16.30 Auser organizza un incontro per conoscere la storia della canzone popolare della protesta femminile attraverso la musica, a partire dal celebre “Bella Ciao”.
L’ingresso è libero;  tè e biscotti di benvenuto offerti dall’Auser.

CATANIA, TRE LABORATORI PER CONOSCERE CATANIA, LA LETTERATURA E L’INFORMATICA
Un ciclo di tre laboratori, rispettivamente dedicati ai temi “Conoscere Catania” (a cura di Angelica Faro), “Donne e letteratura” (Pina Arena) e “informatica” (Giuseppe Campisi) verranno organizzati da Auser Catania. Il calendario prevede un totale di 12 appuntamenti che si concluderanno a maggio. Come spiega la presidente dell’Auser Catania, Nicoletta Gatto, “Il nostro primo obiettivo è quello di avviare corsi di alfabetizzazione informatica  per i nostri iscritti che non hanno  le conoscenze necessarie per essere connessi al mondo del web, ormai così diffuso in tutti i contesti sociali. La seria conseguenza, in mancanza di una nuova formazione, è  che anche su questo versante si rischi l’esclusione sociale”.  Un altro laboratorio riguarda invece la storia di Catania suddivisa in tre grandi fasi, e dei suoi tesori storici e architettonici, nella consapevolezza che molto spesso, pur essendo nati e vissuti in città, non sempre la si conosce in maniera approfondita .
Il terzo laboratorio è infine legato alla letteratura e approfondirà il ruolo delle donne nella narrazione di storie e nella produzione di capolavori editoriali, con quattro appuntamenti.
A settembre i corsi continueranno con altre proposte  di formazione permanente rivolte alle persone adulte, “con l’ambizione – continua Nicoletta Gatto – di migliorare la loro capacità di leggere criticamente la realtà per non lasciarsi più irretire da parole d’ordine molto abusate da nazionalismi e populismi vari e che tanto fanno male alla crescita civile e solidale della nostra realtà sociale”.
Per l’iscrizione basta rivolgersi alla Segreteria dell’Auser di Catania in via Crociferi, 40.
Fonte: catanianews.it

CONCO (VI), 80 ANZIANI “DIPLOMATI” GRAZIE AI CORSI DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA
Sono 80 gli anziani “diplomati” al corso di alfabetizzazione digitale promosso e ideato dal Circolo Auser di Fontanelle di Conco (VI). L’iniziativa “Anziani da touch: nonni nell’era digitale” ha coinvolto 40 partecipanti a Lusiana Conco, 25 a Rotzo, 15 a Canove, dove si sono incontrati gli anziani di Asiago, Gallio e Roana, ma anche 10 giovani (4 a Lusiana Conco e 6 a Rotzo) chiamati a supportare i nonni in questo percorso. Il progetto è stato co-finanziato dalla Regione Veneto tramite il bando sull’invecchiamento attivo.
L’iniziativa si proponeva di diminuire il divario generazionale proponendo agli anziani un corso in grado di facilitare le comunicazioni a distanza, accedere facilmente ai servizi socio-sanitari e comunali, allenare la mente e condividere (nella vita reale e nel mondo digitale) momenti in compagnia. Con l’obiettivo finale di arginare l’isolamento sociale, uno dei fattori legati al decadimento cognitivo. Sono stati acquistati ben 20 tablet, che saranno poi devoluti, in comodato d’uso, ai partner del progetto, per dare la possibilità di usufruire di questo strumento e permettere agli anziani formati di diventare risorsa per altri anziani. I corsisti, aiutati dai giovani, hanno affrontato 3 moduli di lavoro e sono diventati “social” con una pagina Facebook per rimanere in contatto e condividere idee per laboratori manuali e lavoretti, consigli sulla gestione dell’orto, giochi di carte tradizionali, storie “de na volta”, poesie e tutto ciò che più interessa. Non mancheranno anche video in cui verranno proposti esercizi per tenersi in forma. In un incontro a cui sono state invitate le Amministrazioni, la Fondazione Volksbank, i circoli Auser e le associazioni partner si è tenuta la premiazione dei neodiplomati e alla presentazione della seconda parte del progetto. Ora l’opportunità viene riproposta, aperta a tutti coloro che desiderino conoscere meglio il mondo digitale.
Fonte: Il Giornale di Vicenza

MONREALE (PA): CORSI, CONFERENZE, BALLO E RICAMO
Sono ripartiti gli appuntamenti “scientifici” organizzati dall’Auser di Monreale, il circolo Biagio Giordano, presieduto da Luigi Mazzola. Lo scorso 15 febbraio si è tenuta una conferenza scientifica, nell’ambito del progetto “Crescere non invecchiando: benessere di mente e corpo”, che ha già visto nei mesi scorsi altre iniziative simili, come la conferenza sul diabete. Alla lezione di sabato è intervenuto  il posturologo Massimiliano Squillace che ha parlato  delle tecniche bionaturali, mentre la psicologa Caterina La Rocca ha intrattenuto i soci sul training autogeno, naturopatia e bioenergetica. Il Circolo Auser di Monreale, oltre alla presentazione di libri sul fenomeno mafioso, alla rappresentazione di commedie teatrali, per i propri soci organizza e tiene settimanalmente lezioni di ballo, di ricamo e tante altre iniziative – spiegano dal Centro – dando ai propri iscritti l’opportunità di passare serenamente e tranquillamente in un ambiente piacevole e confortevole giornate  gioiose e in compagnia.
Fonte: monrealepress.it

CORREGGIO (RE), FARE LA SPESA CON INTELLIGENZA
Fare la spesa con intelligenza. E’ ciò che Federconsumatori, Spi-Cgil e Auser insegnano in un incontro fissato per le 15 di giovedì 20 febbraio, al centro sociale XXV Aprile di Correggio (RE). Come risparmiare sugli acquisti alimentari, come leggere le etichette, il controllo delle scadenze, la provenienza dei prodotti, analisi del rapporto qualità/prezzo. A relazionale Lucia Lusenti, Federconsumatori, per fornire ai partecipanti degli utili consigli. L’incontro è gratuito.
Fonte: Il Resto del Carlino

AGLIANA (PT), IMPARARE  IL CUCITO E IL RICAMO  DALLE VOLONTARIE CON LE “MANI D’ORO”
I lavori manuali come cucito, ricamo, uncinetto e maglia ai ferri, sono abilità che un tempo quasi tutte le giovinette imparavano, ma che oggi si stanno perdendo. L’associazione Artigiano e Auser di Agliana (PT) hanno attivato un patto che ha consentito di dare il via a corsi per apprendere l’arte di questi lavori fatti a mano. I corsi si svolgono nella sede dell’associazione Artigiano, ogni mercoledì sera alle 21. Sono tenuti dalle volontarie dell’Auser di Agliana, donne con ‘le mani d’oro’ che ormai da tanti anni creano articoli vari che poi vengono esposti sui banchi per beneficenza. Attivi sia il corso base che quello avanzato.
Per info 347.1041713.
Fonte: La Nazione

FORNACETTE CALCINAIA (PI),  LE MANI SOLIDALI DELLE VOLONTARIE DELLA SARTORIA AUSER
“A suor Valeria Amato abbiamo inviato camicini, pigiamini, lenzuolini ecc…per un totale di 400 pezzi.
Tantissimi articoli utili per la persona o per la casa li abbiamo fatti per offrirli sia ai mercatini che in sartoria, tipo asciugamani per cucina, tovaglie, asciughini, grembiuli, porta vivande ecc.. Abbiamo realizzato tanti accessori utili come  guanti, maglie sia all’uncinetto che a maglia, sciarpe, borse ecc..Il ricavato va interamente in solidarietà sia per progetti nazionali che internazionali, a seconda dei bisogni”. A parlare è Iria una delle  volontarie della sartoria della solidarietà di Fornacette Calcinaia. Un luogo aperto dove ogni giorno decine di volontarie Auser si incontrano e realizzano bellissimi oggetti e accessori, in un clima di condivisione e amicizia.  Un centro associativo attivo su moltissimi fronti: conferenze, incontri, momenti conviviali. Due panchine rosse –simbolo della violenza contro le donne –  sono state inaugurate  proprio nella piazzetta davanti la sartoria, con un monologo teatrale di Franca Rame “noi abbiamo partecipato regalando treccine rosse da appuntare sul petto e un piccolo rinfresco, in precedenza avevamo donato a tutto il consiglio Comunale e agli impiegati sia uomini che donne uno spillino con la treccia rossa” ci ricorda Iria “per il tappeto del Mondo con i Colori della Pace  richiestoci da Sant’Anna di Stazzema abbiamo fatto 1050 quadri colorati, che nella ricorrenza dell’eccidio perpetrato dai nazifascisti sono stati esposti lungo il percorso che dalla Chiesa va al Sacrario”.

MONSUMMANO TERME (PT), COME EVITARE TRUFFE E RAGGIRI
La Lega Spi Cgil della Valdinievole Sudest organizza per mercoledì 19 febbraio alle 15,30 al Centro Auser di Monsummano Terme (PT), in collaborazione con il commissariato di polizia, l’amministrazione comunale, Auser e Federconsumatori, un incontro pubblico per informare i cittadini dei rischi che sempre più spesso corrono per truffe, scippi e frodi informatiche. «Siamo sempre più vittime – scrivono gli organizzatori dell’incontro – di truffe, scippi e frodi informatiche. Dal 2008 al 2016 le prime sono cresciute del 45,4%, mentre le seconde hanno fatto registrare un tasso di crescita superiore al 50% rispetto al 2010. Ogni giorno leggiamo sulla stampa di nuovi episodi di queste deprecabili azioni criminose. Le occasioni di potenziale pericolo per i cittadini (le vittime sono soprattutto gli anziani) sono dappertutto: in casa, per strada, sui mezzi di trasporto o nelle pagine web. Per questo oltre al manuale “Non ci casco” pubblicato da LiberEtà mensile dello Spi Cgil, che è un piccolo manuale di autodifesa contro truffe e raggiri abbiamo pensato, come Lega Spi Cgil, di organizzare per domani al Centro Anziani Auser di Monsummano Terme questo momento di confronto e informazione». All’incontro interverranno il sindaco Simona De Caro, Paolo Cutolo vicequestore di Pistoia, Franco Sandretti presidente di Federconsumatori e Andrea Brachi segretario generale di Spi Cgil Pistoia.
Fonte: La Nazione

MANTOVA, TUTTI UNITI CONTRO LE TRUFFE
Forze dell’ordine, parroci e associazioni insieme per difendere gli anziani dalla minaccia crescente delle truffe. E’ la ricetta messa in campo a Mantova nelle ultime settimane: una collaborazione che mette insieme  la diocesi da una parte – per intercettare le migliaia di anziani che frequentano le parrocchie – e Auser e Università della Terza età dall’altra: la prima coi suoi 8mila volontari e la seconda coi suoi 1.200 iscritti. Ne è nato un progetto fattivo, con incontri pubblici di formazione e di dibattito e la creazione di volantini e brochure che vengono distribuiti principalmente dai sacerdoti alla fine delle messe e che fanno riferimento alla problematica, con tutte le informazioni e i numeri utili. «Un’iniziativa che è stata molto gradita dai più anziani nelle nostre comunità» ha commentato Libero Zillia, il vicario generale della diocesi di Mantova, che conta su 168 parrocchie distribuite in tutta la provincia. Entusiasmo anche da parte delle associazioni: «Il progetto – spiegano il presidente provinciale di Auser, Edoardo Chiribella, e il presidente dell’Università della terza Età, Antonio Badolato – permette di sviluppare un’attività di rete tra gli enti che si occupano di anziani sul territorio di cui si avverte sempre più la necessità». «E vorremmo – aggiunge il questore Sartori – che diventasse un punto di riferimento costante per le forze dell’ordine, insomma un progetto strutturale e insieme flessibile, capace di modularsi a seconda delle nuove forme di truffa che vedremo insorgere in futuro. Penso in particolare a quelle online, visto che sempre più anziani viaggiano in rete o sui social anche grazie ai telefonini, ma non ne conoscono tutti i rischi». Ecco perché l’altro obiettivo centrale del progetto è quello di favorire il passaparola, cioè di trasformare gli anziani che vengono contattati direttamente in antenne sul territorio, capaci a loro volta di intercettare potenziali vittime e rendersi in prima persona strumenti di sicurezza sul territorio.
Fonte: Avvenire

BENESSERE E SALUTE: A MULAZZANO (LC) RIPRENDONO LE CAMMINATE DOLCI
Riprendono per il decimo anno le “camminate dolci” organizzate da Auser Volontariato Consulta Mulazzano (LO) lungo un percorso di 5 chilometri con itinerario su pista ciclabile pedonale asfaltata e per tratti su pista e strada campestre sterrata. Per il gruppo di camminatori  è previsto lungo il percorso una sosta per un piccolo ristoro con panini imbottiti di cotechino caldo, vin brulè, tè caldo, crostini caldi con lardo e crostata di torta.
L’iniziativa “Camminata dolce” è rivolta non solo alle persone anziane, ma è aperta a tutti.
Fonte: Il Cittadino di Lodi

SASSARI, AL VIA IL GRUPPO DI CAMMINO NEL CENTRO STORICO DELLA CITTA’
La comunità si mette in moto per contrastare l’insorgenza delle malattie croniche causate dall’invecchiamento: Auser Sassari, insieme a  Unità Operativa complessa Prevenzione e Promozione della Salute del Dipartimento di Prevenzione Zona Nord e la ASSL Sassari dà il via al Gruppo di Cammino: un’importante opportunità di salute e di socializzazione, con il patrocinio del Comune di Sassari e con il sostegno dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci), dell’Unione Italiana Sport per Tutti (Uisp), e della Federazione Anziani e Pensionati (Fap Acli).
Il primo appuntamento dell’iniziativa è previsto per giovedì 20 febbraio nella Sala Conferenze del complesso Sanitario di Rizzeddu (Palazzina H) dove, a partire dalle ore 16, gli specialisti del Dipartimento di Prevenzione e degli Enti ed Associazioni coinvolti spiegheranno ai cittadini interessati l’importanza del progetto e le sue modalità di svolgimento.
L’attività del Gruppo di Cammino entra nel vivo giovedì 27 febbraio con la prima passeggiata collettiva. L’appuntamento è alle 15:30 davanti alla fontana dei Giardini Pubblici compresi tra via Tavolara e Corso G. M. Angioy. Il percorso del Gruppo si snoda attraverso le vie del centro storico, a bassa intensità di traffico, e passa in via Arborea, largo Ittiri, piazza Tola e davanti alla cattedrale di San Nicola. Il tracciato, lungo due chilometri circa, è stato studiato per garantire ai partecipanti di sfruttare le piazze e gli slarghi pedonali per delle brevi pause di defaticamento. Il punto d’arrivo è il medesimo di quello di partenza.
Il Gruppo di Cammino è previsto per tutti i giovedì dell’anno a partire dal 27 febbraio e fino al mese di dicembre, fatta eccezione per la pausa estiva. Durante ogni uscita, i partecipanti saranno accompagnati e assistiti da un istruttore laureato in scienze motorie.
L’iscrizione al Gruppo di Cammino è gratuita e si può effettuare contattando la Uisp al numero di telefono 079/2825033, scrivendo una e-mail all’indirizzo gruppidicammino@uispsassari.it o recandosi nell’ufficio di via Zanfarino n. 8. Inoltre è possibile compilare il modulo di iscrizione presso le sedi dell’Auser e della Fap Acli.
Fonte: sardegnadies.it


 Associazionismo Volontariato Terzo Settore

“DENTRO TUTTI”, NASCE IL NETWORK DELLE PIATTAFORME DEL TERZO SETTORE
E’ stata presentata nei giorni scorsi a Milano “Dentro Tutti”, testata multicanale (carta, rete e social) rivolta ai giovani sui temi della Costituzione, della cittadinanza e della sostenibilità sociale, culturale, ambientale. Una testata indirizzata in particolare ai giovani, attraverso una sperimentazione di linguaggi e format che li vedono protagonisti. È ai giovani che bisogna chiedere infatti di utilizzare le proprie chiavi di let­tura per costruire uno spazio che li vedrà ‘redattore collettivo’ del grande progetto di cittadinanza, creando i contenuti, condividendoli, guidando gli adulti in un percorso comune. A partire dalla scuola fino a coinvolgere educatori e famiglie in percorsi di racconto, testimonianza, partecipazione.
Realizzato con un interfaccia innovativo, pensato principalmente per gli smartphone, Dentro Tutti è a portata di un click su tutti i dispositivi. I suoi contenuti sono Creative Com­mons, condivisibili e replicabili senza pagare diritti. Utilizzabili. Come una vetrina wiki in continuo sviluppo. Contenuti credibili, validati, che saranno messi a disposizione di insegnanti e genitori per dialogare coi figli su tematiche di cittadinanza responsa­bile e di sostenibilità: sociale, ambientale, culturale.
Dalla Costituzione ai “padiglioni” tematici. “Padiglioni” virtuali, da scorrere come in un social, in cui trovare contenuti accattivanti per pensare, per condividerli, per scoprire la faccia pulita della società e il senso del dovere e del diritto. Per scoprire i valori dell’inclusione contro l’esclusione e l’isolamento, della generosità contrapposta all’egoismo. 4 padiglioni tematici saranno dedicati alla partecipazione attiva, alla sostenibilità, alla solidarietà, all’economia sociale e civile.
Tra i materiali che verranno prodotti: Quaderni tematici interattivi per l’educazione civica e civile, Edubox (spazi di raccolta dei quaderni e dei materiali vari), Civic Games (laboratori per apprendere giocando), Social spot (la vetrina delle campagne sociali).
Per informazioni: www.dentrotutti.org
Fonte: Vita

NASCE GLUO, LA PRIMA PIATTAFORMA COLLABORATIVA DEL VOLONTARIATO
L’”economia della condivisione”, forse più conosciuta come sharing economy, entra a sistema anche nel mondo del volontariato. Il Centro di servizio per il volontariato del Friuli Venezia Giulia ha appena lanciato “GLUO Liberi di collaborare” la piattaforma collaborativa pensata proprio per volontari ed enti del terzo settore.
L’iniziativa promuove un modo nuovo di “creare valore” nelle comunità, offrendo la possibilità di scambiare orizzontalmente servizi senza utilizzare denaro, secondo regole trasparenti e condivise. Grazie a GLUO si potrà da un lato condividere quello che si ha o si sa, dall’altro trovare ciò di cui si ha bisogno. Concretamente: un’associazione che ha organizzato un corso di formazione potrà mettere a disposizione eventuali posti liberi rimasti a volontarie e volontari di altri enti; chi ha un’aula che usa poco potrà condividerla con altre associazioni; più in generale, chiunque voglia sostenere il volontariato del proprio territorio potrà offrire sulla piattaforma le proprie competenze (ad esempio i professionisti che intendono fare prestazioni “pro bono” in modo sicuro e tracciabile).
“GLUO è di una semplicità rivoluzionaria, – spiega il direttore del Csv Federico Coan. – La realtà dei fatti è che le risorse a disposizione del volontariato (e non solo) sono limitate e continuare a ragionare per piccoli orticelli porterà il sistema al collasso: la via per la sopravvivenza e per lo sviluppo è la condivisione”.
Per informazioni: gluo.org; profili Facebook e Instagram; piattaforma@csvfvg.it.
Fonte: csvnet.it

INTERVISTA CON IL TERRITORIO, LA COMUNICAZIONE SOCIALE ARRIVA A SCAMPIA
Giovedì 27 febbraio nuovo appuntamento con “Intervista con il Territorio”, il ciclo di seminari sulla comunicazione sociale organizzato da Giornale Radio Sociale in collaborazione con Forum Nazionale del Terzo Settore, Redattore Sociale e il sostegno di Fondazione con il Sud.
L’appuntamento è a Napoli, in particolare al Centro Chikù di Scampia per parlare di lavoro, donne, periferia, impresa sociale ed economia criminale.
La partecipazione è gratuita e dà la possibilità di ottenere quattro crediti formativi per i giornalisti iscritti attraverso la Piattaforma Sigef.


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di  Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
ufficiostampa@auser.it    www.auser.it

 

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU