Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 21 numero 21 – 30 maggio 2018

Scritto da
30 maggio 2018
testata_agenzia

Agenzia settimanale – Anno 21 numero 21 – mercoledì 30 maggio 2018
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


AuserInforma

POCHI BAMBINI MA TANTI NONNI: UN’OPPORTUNITÀ CONTRO LE POVERTÀ EDUCATIVE. IL 6 GIUGNO SI PRESENTA A FIRENZE IL PROGETTO DEI NONNI DI COMUNITÀ
Si terrà a Firenze mercoledì 6 giugno dalle ore 10 alle 13,30 presso l’Istituto degli Innocenti Salone Brunelleschi, l’evento di presentazione del progetto di cui Auser Lombardia è capofila “I nonni come fattore di potenziamento della comunità educante a sostegno delle fragilità genitoriali”, realizzato nell’ambito del bando per la prima infanzia affidato per la gestione da Fondazione con il Sud all’Impresa Sociale  “Con i bambini”.
Il progetto mira a creare una vera e propria rete di “Nonne e nonni di comunità” per dare supporto alle genitorialità fragili e valorizzare le risorse che i nonni volontari Auser possono offrire, soprattutto in territori dove i servizi scarseggiano e povertà educativa ed economica si sommano. Il progetto della durata di 3 anni, coinvolge quattro regioni: Lombardia, Toscana, Umbria e Basilicata e una vasta rete di partner tra cui oltre Auser Lombardia, Auser Toscana, Auser Umbria, Auser Basilicata, Università Bicocca di Milano, Università di Firenze, la Fondazione Asilo Mariuccia di Milano, l’Istituto degli innocenti di Firenze, Comuni e cooperative sociali.
Nella seconda parte della mattinata, alle ore 11, Tavola Rotonda su un tema molto attuale: In un paese impoverito e che invecchia sempre di più come dimostrano gli ultimi dati Istat, è possibile pensare che i “nonni volontari” possano essere una risorsa per aumentare e promuovere l’inclusione dei bambini e delle famiglie fragili?
Ne discutono:  Donata Bianchi responsabile monitoraggio e ricerca Istituto degli Innocenti; Enzo Costa presidente nazionale Auser; Paola Milani docente di Pedagogia all’Università di Padova; Chiara Saraceno sociologa, professore onorario del Collegio Carlo Alberto di Torino.
Modera Susana Mantovani, professore onorario di Pedagogia all’Università di Milano Bicocca.
Per info sul programma della giornata www.auser.it

ACCUMOLI (RI): INAUGURATO IL NUOVO CENTRO DI AGGREGAZIONE COFINANZIATO DA AUSER
Inaugurata domenica 27 maggio 2018 ad Accumoli la nuova struttura polifunzionale “Accupoli” realizzata anche con i fondi raccolti dall’Auser. Per la precisione sono stati devoluti 32mila euro con i quali è stato possibile provvedere agli arredi interni e al rifacimento della rampa d’accesso. Presenti, fra gli altri, all’inaugurazione  Luigi Annesi presidente Auser Lazio, il Segretario della CGIL di Rieti Roma Est Valle dell’Aniene Walter Filippi, il Segretario dei Pensionati Valentino Giletti e la Presidente dell’Auser Rieti Stefania Montagnini.
“E’ stata realizzata una cosa buona con le donazioni ricevute dalla brava gente del nostro paese, con piccoli contributi – commenta Marco Di Luccio della presidenza nazionale Auser –  che ci rende orgogliosi del nostro agire”.

CREMONA, PRESENTATO IL PROGETTO DELLA “PORTINERIA SOLIDALE”
Si è tenuta nei giorni scorsi presso l’ASC Cremona Solidale la conferenza stampa del progetto “Portineria Solidale – Una rete tra le associazioni di volontariato”. Il progetto nasce dalla scelta di Cremona Solidale e Fondazione Città di Cremona di recuperare l’edificio della storica portineria (ex-palazzina del custode) ed affidarla ad Auser Comprensorio di Cremona e Auser Unipop quale sede di lavoro e come luogo di incontro, con scopi sociali e solidali, delle associazioni di volontariato che attualmente operano all’interno di Cremona Solidale. Portineria Solidale sarà rigenerazione di spazi, cantiere aperto, hub di associazioni e incubatore di innovazione ed iniziative per gli ospiti ed i lavoratori dell’ex-Soldi.
Il progetto è stato presentato da Auser Comprensorio di Cremona al bando “Volontariato 2018″ di Fondazione Cariplo, Regione Lombardia, Comitato di Gestione del Fondo Speciale e Centri per il Servizio Volontariato Lombardia.
La ex-portineria di Cremona Solidale (sede del progetto) vede capofila Auser Provinciale di Cremona, ma ha coinvolto diverse cooperative e associazioni già operanti o comunque in stretta collaborazione con Cremona Solidale. Un obiettivo di “Portineria Solidale” sarà quello di avvicinare – fisicamente, ma non solo – Cremona Solidale al resto della cittadinanza. E in quest’ottica si inserisce l’intervento di rigenerazione della ciclopedonale che collega l’istituto alla città.
Donata Bertoletti, Presidente Auser Comprensorio di Cremona ha espresso la sua soddisfazione perchè Auser (Comprensorio e Unipop) avrà una sua sede e perché l’idea della collaborazione con le altre associazioni del territorio cremonese è un’esperienza importante e fondamentale, già sperimentata con il progetto Fare Legami. La rete delle associazioni di Portineria Solidale, seppur molto diverse tra loro, hanno in comune l’idea e la voglia di rendere Cremona Solidale un luogo vivibile dall’esterno, aperto.
Fonte: La Provincia

SAN LUCA (RC), SPORT E CULTURA SFIDANO LA MAFIA
San Luca è un comune della provincia di Reggio Calabria di neanche 4000 anime. E’ considerato il cuore della Ndrangheta calabrese, teatro della “Faida di San Luca” ed è commissariato da circa due anni. In questo scenario così complicato, cittadini e organizzazioni della società civile hanno trovato la forza e il coraggio di reagire e guardare avanti. A partire dai più giovani. Così l’anno scorso è nato il progetto “olimpiadi  della legalità” che mette insieme un bel parterre di organizzazioni: Auser Calabria, Auser “noi ci siamo” di Bovalino, la Cgil, l’Istituto Comprensivo di San Luca, il Comune, l’Associazione Nazionale Calciatori. Sul campo dello stadio comunale di San Luca ragazzi dai 7 ai 13 anni,  non solo giocano a calcio ma si sperimentano in un vero e proprio percorso educativo-sportivo dove al centro c’è la legalità e la tutela della salute. Si corre, si suda, si palleggia, ci si diverte ma soprattutto si impara a stare insieme e a rispettare le regole. Un mix virtuoso e positivo di educazione sportiva, inclusione sociale ed etica. Per il secondo anno consecutivo, nei mesi di maggio e giugno,  circa 150  ragazzi e  ragazze delle scuole di San Luca trasformano  l’atmosfera del paese in cui vivono. Il programma è fitto, l’attività sportiva e quella educativa si intrecciano. Gli allenamenti vengono utilizzati per associare la tecnica del gioco ai valori proposti durante i laboratori educativi che hanno come filo conduttore il fair play, il rispetto delle persone, i  diritti e i doveri.  Lo staff tecnico  è formato da allenatori specializzati, danno man forte ex calciatori e tecnici di lunga esperienza. Ma in queste specialissime Olimpiadi non c’è solo lo sport. Diventano una vetrina dove San Luca e i suoi abitanti possono esprimere vitalità ed eccellenze culturali all’insegna del recupero delle vecchie tradizioni. Così fra un palleggio e l’altro, fra una manipolazione d’argilla e una gara di calcetto, c’è tutta una comunità che ragiona su una parola: legalità.

FIRENZE, AUSER PREMIA FRANCO ZEFFIRELLI
Ci sarà anche Franco Zeffirelli quest’anno a ricevere il prossimo 13 giugno il  premio Filo d’Argento di Auser Firenze. Giunto alla 22° edizione l’evento è l’occasione per consegnare a personaggi del mondo della cultura, dell’arte, della letteratura il riconoscimento del loro impegno e sottolineare il loro legame con la città. Oltre a Zeffirelli riceveranno il premio: Dacia Maraini, Sergio Staino, Oliviero Toscani, Regina Schrecker, Carlo Pepi, Lamberto Boranga, Renzo Ulivieri, Timothy Verdon, Rebel JJ Rousel.
L’evento si terrà a Palazzo Vecchio alle ore 15.30  nel prestigioso Salone dei Cinquecento. La medaglia “Fiorenza” simbolo del premio è stata realizzata dall’artista Roberto Ciabani.

IL PROGETTO NAZIONALE DEI VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE DI LAGOSANTO (FE) TORNA AL CIRCOLO AUSER E FA IL BIS
“Anch’io sono la Protezione Civile” è il nome del Progetto che per il secondo anno verrà realizzato con la collaborazione e nei locali del Circolo Culturale Auser di Lagosanto (Fe), rivolto ai ragazzi dagli 11 ai 13 anni della scuola primaria e secondaria. Il suo scopo fondamentale è promuovere l’informazione nella scuola, non solo per spiegare il ruolo operativo della Protezione Civile in caso di emergenze, ma anche come strumento efficace per formare una nuova educazione nella fase di prevenzione e previsione.
Il progetto si realizza attraverso un campus che viene allestito nel parco antistante la sede Auser di Lagosanto dal 24 al 29 giugno 2018 e vede la partecipazione di 24 ragazzi. Il calendario del campus è ricco ed articolato: dal conoscere l’importanza di avere cani molecolari addestrati per la ricerca a terra e relative dimostrazioni pratiche, alla conoscenza di strutture territoriali alle quali far riferimento in caso di emergenza, assieme ai volontari del WWF. Non mancano le simulazioni di incendio, dove i ragazzi assieme ai Vigili del Fuoco ed al Corpo Forestale imparano a prevenire e far fronte ad un incendio boschivo. La parte più affascinante per i ragazzi rimane quella costituita dalle prove di immersione, dove il Gruppo  Sommozzatore Estense spiega l’importanza dei sub in caso di disastri ed emergenze come alluvioni ed inondazioni. Il coinvolgimento di Auser non consiste solo nell’ospitare il campo nell’area verde antistante, ma anche nel preparare ai ragazzi ed ai volontari della Protezione Civile che li affiancano, tutti i pasti delle giornate. “Il momento del pasto diventa un’occasione per i volontari Auser per raccontare i loro ricordi legati al cibo – racconta Elisabetta Taggliatti coordinatrice dell’Auser –  i pasti frugali consumati durante il lavoro in campagna, gli ingredienti “poveri” di famiglie che, sfruttando i prodotti del terreno, dovevano soddisfare gli appetiti di numerosi componenti, le preparazioni riservate ai “giorni di festa” che rendevano ancora più preziosi e desiderati quei momenti. La cadenza dei prodotti  poi che contraddistinguono in maniera spiccata l’evolvere delle stagionalità, ora sempre più appiattita dalla distribuzione commerciale” .

COMO, UNA RETE PER COSTRUIRE UNA CITTA’ DOLCE COME IL MIELE
Auser Volontariato Como è il Capofila del progetto “Apicoltura solidale – Una rete per costruire una città dolce come il miele” che ha partecipato con successo al Bando Volontariato 2018.
L’attività di apicoltura sarà accompagnata da un ampio programma di attività dedicate alla coesione di quartiere e al dialogo intergenerazionale, con un interessante incrocio tra temi ambientali e buone pratiche di cittadinanza attiva. Filo conduttore, le api e il loro affascinante mondo. Sono partite le prime azioni del progetto. Sul sito https://apicolturasolidale.wordpress.com/ si possono trovare tutte le informazioni. Parallelamente è partita una campagna di raccolta fondi a sostegno  del progetto stesso. Il primo obiettivo, da raggiungere entro l’estate, è raccogliere da 3.000 a 5.000 Euro che serviranno per avviare le attività di allevamento delle api, in particolare per acquistare le arnie. Sono ammesse donazioni individuali ma anche da parte di Associazioni.  Ad ogni donatore verrà consegnata una ricevuta utile per la detraibilità fiscale ed un attestato di partecipazione alla campagna di raccolta fondi, verrà “compensato” con un omaggio in miele, non appena l’allevamento sarà in grado di completare il ciclo di produzione. Per donare: Auser Volontariato Como IBAN IT 11 D 03111 10906 0000 000 20680, indicando nella causale “sostegno al progetto Apicoltura Solidale – bando volontariato 2018”. E’ possibile anche il versamento in contanti presso la sede Auser di Via Castellini, 19 a Como.
Per info e contatti: Auser Provinciale Como  via G. Castellini, 19 – Como tel. 031 275038 – fax 031 2757337  info.como@auser.lombardia.it

VOGHERA (PV), UN PARCO SENZA BARRIERE PER TUTTI I BAMBINI. AUSER TRA I PARTNER
Due altalene speciali, un grande castello colorato senza barriere architettoniche e percorsi tattili nel primo parco totalmente inclusivo della provincia di Pavia, dove tutti i bambini, anche con disabilità, godranno del diritto al divertimento. A Voghera tra poco meno di un mese si taglierà il nastro: nei giardini di via Carlo Marx si stanno discutendo gli ultimi accorgimenti prima di posizionare le giostre innovative realizzate ad hoc per dar vita al progetto «Amabilmente». Due anni di eventi, concerti, e raccolte fondi, per arrivare a contare i 43 mila euro che servivano ad acquistare tutte le attrazioni ludiche interamente accessibili costruite: «Abbiamo visto un video in cui un bimbo in sedia a rotelle saliva per la prima volta in altalena e ci siamo emozionati moltissimo – spiega Cristina Benzi dell’associazione Auser Voghera Clown di Corsia -. Non basta installare un solo gioco per disabili per creare inclusione tra i bimbi normodotati e con disabilità, ma ci vuole un’intera area per consentire una migliore interazione tra loro. Con orgoglio possiamo dire di avercela fatta».
Un giardino di 2 mila metri quadrati, con aree ombreggiate e verdi, in cui verranno installate le giostre senza barriere: per accedere allo scivolo c’è una rampa molto più larga dove può passare una carrozzina; l’altalena non è una tavoletta ma una cesta che fascia e sorregge busto e gambe, e i giochi a molle hanno protezioni posteriori e laterali che sostengono il piccolo con difficoltà motorie.
Tutta la superficie sarà rivestita da pavimentazione anti trauma, ci saranno dei sentieri-tappeto a dune dove muoversi liberamente, e giochi sensoriali.
Fonte: Corriere della Sera

AUSER VITERBO COMMEMORA LA DONNA RIMASTA SCONOSCIUTA
Il prossimo 8 giugno una delegazione di Auser Viterbo deporrà una corona di fiori ai piedi della lapide di piazza Gramsci. E’ la lapide che  ai piedi delle mura, incastonata in un masso di peperino ricorda un episodio della rappresaglia tedesca contro inermi cittadini. In quel luogo, l’8 giugno 1944, vennero trucidate tre persone. Due erano uomini: di loro la lapide riporta il nome.  La terza era una donna, “una donna  rimasta sconosciuta”. Nessuno ha mai saputo chi fosse quella donna. Di lei è certo solo l’epilogo tragico, analogo a quello di migliaia di donne rimaste sconosciute. Auser Viterbo da quattro anni commemora quell’episodio per ricordare tragedie dimenticate e a monito di tragedie attuali. Appuntamento l’8 giugno 2018 in piazza Gramsci alle ore 9.30.

CAMMINARE FA BENE: IL PROGRAMMA TREKKING DI AUSER CANTURIUM (CO)
Prosegue per tutto il mese di giugno il programma Trekking organizzato da Auser Canturium. Gite e passeggiate di un giorno, all’aria aperta, alla portata di tutti. Ma soprattutto si sta insieme, si trascorre in compagnia una giornata diversa e si torna a casa rigenerati e soddisfatti, magari avendo scoperto un angolo del proprio territorio che non si conosceva. Quattro in tutto gli appuntamenti previsti a giugno. L’Università Popolare Auser Canturium propone tutto l’anno ai propri soci un ricco programma di attività culturali e solidali, tanto da conquistarsi il Bollino Blu di qualità.
Per info: www.auser.lombardia.it/como/cantu

BENEVENTO, ALL’USELTE “UN PAPA DI NOME FRANCESCO: RIFLESSIONI SUL PONTIFICATO”
Auser-Uselte, Università dell’età libera e della terza età di Benevento, ha organizzato per giovedì 31 maggio 2018 alle ore 18, presso la sala CESVOB sita nel Palazzo del Volontariato in viale Mellusi 68, la conferenza “Un Papa di nome Francesco: riflessioni sul pontificato”, con la partecipazione straordinaria di Padre Sabino Iannuzzi, O.F.M, Vicario episcopale per i consacrati. Introduce Don Luigi Mazzone, docente all’ISSR di Benevento

PERUGIA, ANCHE L’AUSER ALLA GIORNATA DEL SOLLIEVO
Giornata speciale lo scorso  27 maggio 2018 a Perugia, la città  ha celebrato la giornata nazionale del sollievo promossa dalla fondazione Ghirotti. L’ Amministrazione comunale ha promosso la costruzione di una rete del sollievo cui oltre alle strutture del sistema sanitario dedicate, aderiscono anche numerose associazioni del territorio tra cui l’Auser Perugia Media Valle Tevere che è stata presente alla celebrazione con un suo mezzo attrezzato per il trasporto di anziani e disabili ed i suoi volontari. Durante l’iniziativa i volontari dell’Auser hanno distribuito materiali informativi insieme a gerbere rosse, fiore scelto dalla Fondazione come simbolo dell’evento.

A FUSIGNANO (RA) LA SECONDA EDIZIONE DEL PREMIO AUSER “PAROLE A COLORI”
Sono stati consegnati al centro culturale “Il Granaio”, in piazza Corelli 16 a Fusignano, nell’ambito de La città dei ragazzi 2018, i premi della Seconda edizione di “Parole a Colori”, concorso artistico-letterario promosso dal Circolo Auser Volontariato Fusignano, che coinvolge, per il secondo anno consecutivo, le seconde e le terze classi della Scuola Secondaria di Primo grado Renato Emaldi. Quest’anno il concorso aveva come tema “Il volontariato e l’immigrazione”, un argomento sicuramente difficile da affrontare per ragazzi alle soglie dell’adolescenza, che però ha portato decisamente buoni frutti, sia per quanto riguarda gli elaborati artistici che per quanto riguarda i temi. I volontari hanno partecipato attivamente al progetto insieme agli insegnanti e una commissione composta da volontari Auser e insegnanti dell’Istituto coinvolto, ha valutato il lavoro dei ragazzi e assegnato 12 premi, uno per categoria, per ognuna delle classi partecipanti, consistenti in altrettanti buoni,  del valore di 150 Euro, spendibili presso la Cartolibreria Futura di Fusignano. Nonostante la difficoltà di interpretare un argomento così complesso, i ragazzi sono stati più che all’altezza, sia per quanto riguarda i componimenti testuali, che per quanto riguarda quelli artistici, dimostrando grande capacità di empatia e comprensione, ma anche grande padronanza dei mezzi comunicativi a loro disposizione, che sono stati sfruttati con fantasia e innovazione.
Per Info www.auserravenna.it    Deborah Ugolini  +39 335 6934856 – press@auserravenna.it

AUSER SESTO FIORENTINO HA FESTEGGIATO I 25 ANNI
Ha festeggiato con musica, canti e anche con un incontri specifico sul volontariato, l’Auser di Sesto Fiorentino i suoi primi 25 anni di attività. Nell’area esterna alla sede di via Pasolini alla Zambra, i soci e i molti volontari dell’associazione si sono ritrovati sabato 26 maggio per una giornata da trascorrere insieme ricordando la nascita dell’Auser. Dopo le esibizioni della banda musicale con le majorette, la protagonista è stata la “Banca dell’Esperienza” con gli stornelli della tradizione fiorentina e la lettura di una poesia di Renato Pieri, il socio-poeta dell’Auser scomparso nell’agosto dello scorso anno. E’ stata inoltre l’occasione per fare il  punto su come sono cambiati ed aumentati i bisogni della popolazione anziana in questi ultimi 25 anni e come l’associazione ha cercato di rispondere alle continue richieste di intervento. Oggi i soci sono 368 e i volontari attivi 140. L’incontro ha visto la partecipazione, dopo il saluto del presidente dell’Auser di Sesto Fiorentino Stefano Sturlini, dell’assessore alle politiche sociali Camilla Sanquerin, al presidente della Società della Salute Nord Ovest Enrico Panzi, del presidente dell’Auser Provinciale Renato Boni e della presidente dell’Auser Toscana Simonetta Bessi. Al termine dell’incontro sono stati consegnati i diplomi ai soci fondatori Auser di Sesto Fiorentino, 15 in totale: a ritirare il diploma in ricordo di Renato Pieri la nipote Elisa.Dopo l’apericena una serata a guardare le stelle con la Società Astronomica con i loro telescopi.
Fonte: piananotizie.it

PRATO, UN INCONTRO NELLA GIORNATA CONTRO IL FUMO
In occasione della giornata mondiale senza fumo, giovedì 31 maggio dalle 9 al teatro Magnolfi di via Gobetti a Prato, si terrà l’iniziativa «Esperienze nel territorio pratese». L’evento, promosso dall’Asl, dal Comune, dall’Auser e da Ispro (istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica della Regione Toscana) è dedicato alla promozione di stili di vita senza fumo. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare e informare sulle attività che aiutano a ridurre il numero di fumatori e i danni causati dall’esposizione al fumo passivo.
Fonte: La Nazione

VENTIMIGLIA (IM), UN CORSO DI LETTURA, COMUNICAZIONE E SCRITTURA CREATIVA
All’Auser Intemelio di ventimiglia (IM) partirà dal prossimo martedì 12 giugno dalle 10,30, il corso di lettura, comunicazione e scrittura creativa, già sperimentato negli anni 2016 e 2017 e si sono conclusi con la composizione di due garbate pubblicazione dal titolo “ Liberi di Volare “ e “ Continuiamo a Volare ”.
Il Corso, gratuito, in continuazione dei precedenti, sarà tenuto da Maria Pia Urso che saprà offrire ai partecipanti stimoli e spunti di riflessione per suscitare fantasia, voglia di raccontare e di esprimere tutto che viene ispirato nelle forme letterarie a ciascuno congeniale.
Per informazione e iscrizione telefonare al 3339184805.
Fonte: riviera24.it

CERVIGNANO DEL FRIULI (UD), FESTA PER IL NUOVO AUTOMEZZO
L’Auser Volontariato Bassa Friulana festeggia l’acquisto di un nuovo automezzo per le attività dell’associazione. Grazie al contributo di tutti i soci, che in questi anni hanno dato fiducia a una realtà associativa da sempre molto presente sul territorio, è stato possibile sostenere il costo. «Il pulmino – spiegano i responsabili dell’Auser – sarà visibile in occasione delle tante iniziative di raccolta fondi promosse per il “Filo d’argento Auser”, con la pasta e il vino dell’antimafia “Libera Terra”. L’Auser Volontariato Bassa Friulana ha organizzato cinque cerimonie, che si terranno su tutto il territorio all’interno del quale opera il sodalizio».
Fonte: Il Piccolo

PERGINE (TN), UN’ESTATE A MISURA DI ANZIANO
Il direttivo dell’Auser Pergine (TN) si è riunito giovedì scorso nella sede operativa di via Tre Novembre, per impostare e confermare l’attività di animazione dei prossimi mesi. Mercoledì 30 maggio alle 15 nella sala “Raffaele Fanton” nell’interrato del teatro comunale un nuovo incontro di educazione sanitaria promosso dall’Auser in collaborazione con il Museo della Scuola. Relatore il dott. Lino Beber che presenterà il tema “La farmacodipendenza e noi… “. In giugno, sabato 9, viene organizzato una gita con pranzo di pesce presso il ristorante “La Collinetta” a Monzambano di Mantova. Domenica 17 giugno ritornano le domeniche al Parco Tre Castagni nei pressi della Comunità di Maso San Pietro, con Messa per chi vuole partecipare, poi musica ballo e altri giochi. Le domeniche al parco proseguiranno in luglio e continueranno fino a metà settembre.
Fonte: Il Trentino

FERMO, VISITA ARCHEOLOGICA CON AUSER E CGIL
La Cgil di Fermo, insieme all’Auser e allo Spi provinciali, organizzano per il prossimo 7 giugno un’uscita per i tesserati e gli associati in uno dei posti più suggestivi del fermano.
Una giornata per conoscere le bellezze del territorio: la giornata vedrà la visita prima all’area archeologica della “Cuma” di Monte Rinaldo, poi un passaggio ai vulcanelli di Monteleone e una interessante visita alla Chiesa della Madonna delle Misericordia.
L’area archeologica La Cuma è costituita da un santuario di età ellenistica e da numerosi resti di età romana. Occupa il versante occidentale della collina ed è costituita dal portico, il tempio e una terza struttura interposta tra le due. Le decorazioni architettoniche appartenenti al santuario sono conservate al Museo civico archeologico di Monte Rinaldo.
Fonte: viverefermo.it

UNA NUOVA SEDE AUSER A CAMUCIA (AR)
L’Auser di Camucia (AR) ha inaugurato nei giorni scorsi la sua nuova sede in via di Murata al civico 36/38. L’associazione è da sempre impegnata in ambito sociale in stretta collaborazione con l’amministrazione comunale e le istituzioni scolastiche. Ha stipulato in questi anni, per esempio, patti di collaborazione per la manutenzione dei beni comuni, per l’aiuto dei genitori con il progetto «nonno a scuola», ha organizzato corsi di computer, di ginnastica dolce, di cucina e si è occupata di soggiorni al mare e in gite sociali.
Fonte: La Nazione


 Dal Sindacato

CAMUSSO, FURLAN E BARBAGALLO SCRIVONO A MATTARELLA
“Caro Presidente, desideriamo manifestarle la nostra viva preoccupazione per il perdurare di una crisi politica e istituzionale che ha pochi precedenti nella storia della nostra Repubblica. Intendiamo ribadire con forza il nostro impegno a difesa della Costituzione che fissa con chiarezza ruolo e prerogative del Presidente della Repubblica e delle Istituzioni democratiche”. E’ quanto si legge in una lettera inviata dai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
“Se è pienamente legittimo – prosegue la missiva – avere ed esprimere opinioni e valutazioni politiche differenti, va senza alcuna incertezza difeso e riaffermato il diritto e il dovere del Presidente della Repubblica di esercitare, in trasparenza ed autonomia, le proprie funzioni costituzionali”. “Ci permettiamo, inoltre, – aggiungono i tre segretari – di sottolineare l’urgenza di decisioni rapide per l’economia e il lavoro. C’è un Paese reale che ancora soffre per le conseguenze della crisi economica degli ultimi dieci anni. Per questo pensiamo che le attese e gli interessi di lavoratori, pensionati, giovani e disoccupati debbano essere messe al primo posto nell’agenda istituzionale e politica del Paese”.
Per info: cgil.it


 Anziani e dintorni

BELLUNO: DAL REGISTRO DEGLI ANZIANI SOLI ALLA BADANTE DI QUARTIERE, LE PROPOSTE DELLO SPI CGIL PER GLI OVER 65
Creare un registro degli anziani soli, adeguare alle esigenze della terza età il patrimonio urbanistico, e avviare l’assistenza serale e il badante di quartiere. Sono alcuni dei progetti che lo Spi Cgil a livello provinciale e regionale intende mettere in campo per gli over 65. «Si tratta spesso di persone che vivono da sole in abitazioni troppo grandi e spesso fatiscenti, che stanno a lungo isolati, senza che nessuno li contatti, rischiando di avere incidenti domestici a volte fatali. Anche nel Bellunese i problemi legati agli anziani, spesso dimenticati da familiari e parenti, si moltiplicano, creando situazioni drammatiche», dice Renato Bressan, segretario dei pensionati della Cgil.
In provincia, secondo i dati dello Spi Veneto, gli over 65 sono circa 53mila (52.747) – oltre un quarto della popolazione (25,8 %) – e il loro numero è in continua crescita (+12% negli ultimi 10 anni). «Un vero e proprio esercito che include una rilevante quantità di anziani soli, la più massiccia di tutta la regione. Sono loro la parte più fragile della società, rappresentata per lo più da donne.
In valore assoluto gli anziani soli nel 2017 sono 22.570, un terzo uomini e due terzi donne».
In continuo aumento anche gli ultraottantenni, passati dai 14.093 del 2007 ai 15.586 del 2017 con una crescita del 12,5%.
Lo Spi di Belluno e del Veneto lancia per questa provincia una serie di proposte rivolte alla Regione per cominciare a progettare le città a misura di anziani. Si tratta di puntare soprattutto sulla rigenerazione urbana ed edilizia, partendo da ciò che già esiste e adattandolo alle esigenze di una popolazione che invecchia. In particolare il sindacato propone di intervenire su un patrimonio immobiliare vetusto, composto da edifici realizzati prima degli anni Settanta e quasi tutti senza ascensore.
«La costruzione di città e quartieri a misura di anziani deve essere una priorità», sottolinea Bressan.
Fonte: Corriere delle Alpi


 Associazionismo Volontariato Terzo Settore

CONI: LO SPORT CONTRASTA LA POVERTA’ INFANTILE. I NUMERI DEL PROGETTO FORGOOD
Sono stati presentati a Roma i risultati del progetto ForGood – Sport è benessere, patrocinato dal CONI e realizzato da Sport Senza Frontiere Onlus, che nel corso di 2 anni ha avviato alla pratica sportiva 504 bambini/e appartenenti a famiglie in condizioni di povertà dei quartieri periferici di Napoli, Roma e Milano, l’89% dei quali non aveva mai fatto sport, il 46% appartenenti a famiglie monoreddito, il 37% a famiglie numerose.
I bambini – di cui il 66,3% di origine straniera – hanno potuto scegliere tra 22 discipline diverse grazie a 126 società sportive e sono stati sottoposti a un monitoraggio pediatrico sanitario e a un counselling psicologico volto in particolare a migliorare l’alimentazione e contrastare l’obesità, patologia spesso connessa con la povertà. I dati sono poi stati analizzati da una équipe di ricercatori della Facoltà di biomedicina e prevenzione dell’Università Tor Vergata.
Il progetto ForGood ha permesso a bimbi/e in condizioni di marginalità sociale – italiani, di origine straniera e Rom – di condividere la vita sportiva e costruire relazioni di amicizia con coetanei che non hanno problemi economici, un passo concreto sulla via dell’inclusione e partecipazione sociale.
Per Alessandro Tappa, presidente di Sport Senza Frontiere, “il modello costituito da questo progetto, che combina pratica sportiva e counselling, è molto promettente non solo per migliorare la salute dei più piccoli, ma anche per trasmettere quei valori, alla base di ogni sport, che possono prevenire comportamenti a rischio”.


Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa di  Auser Nazionale.
Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777

ufficiostampa@auser.it    www.auser.it

 

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU