Area riservata

Agenzia di informazione Auser – Anno 19 numero 8 – 25 febbraio 2016

Scritto da
26 febbraio 2016
testatina 2010

Agenzia settimanale – Anno 19 numero 8 giovedì 25 febbraio 2016 
Agenzia Auser è un servizio d’informazione dell’Auser Nazionale.
Viene inviata via E-mail. E’ inoltre visibile sul sito internet www.auser.it


 

Auser Informa

RICONOSCIMENTO EUROPEO PER  LA BUONA PRATICA DI AUSER RAVENNA “L’ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA” CHE FAVORISCE L’INCLUSIONE DELLE FAMIGLIE DI MIGRANTI E RIFUGIATI
L’Auser ha ottenuto un nuovo significativo riconoscimento a livello europeo della sua capacità progettuale nell’ambito dell’attività di volontariato. Nell’ambito di un progetto finanziato dalla Commissione Europea, Solidar di cui Auser fa parte, ha elaborato uno “strumento”  di monitoraggio chiamato Social Progress Watch (SPW). L’obiettivo dello SPW è quello di sottoporre a verifica e a un punto di vista critico l’impegno e i progressi fatti dai governi nazionali per promuovere l’inclusione sociale, l’economia sociale e la qualità del lavoro. Ciò avviene attraverso rapporti annuali redatti dalle associazioni aderenti alla rete tra cui ovviamente c’è l’Auser. Il  progetto SPW prevede la pubblicazione di più rapporti sullo stato dei servizi sociali, contenenti tra l’altro l’analisi di innovative e sostenibili buone pratiche sviluppate a livello locale o nazionale. Solidar, ha utilizzato lo SPW  per delineare una mappa dei più efficaci progetti di dialogo interculturale e inclusione dei migranti organizzati dalle associazioni aderenti. La mappa  è stata presentata alla Commissione Europea. In particolare per il 2015, come potete leggere nel file allegato, sono state segnalate tre buone pratiche: la prima è l’esperienza de  “L’altra faccia della medaglia”, un centro polivalente e multiculturale dedicato alle famiglie dei migranti dell’Auser di Ravenna che abbiamo pubblicato anche nel volume Il Saper Fare. Viaggio nell’Italia della Solidarietà; la seconda,  “The taste of home, curato in Croazia dal Centre for Peace Studies; e infine, “ Participation in the neighbourhood”, organizzato in Olanda dall’associazione di volontariato Humanitas. All’indirizzo web http://www.solidar.org/Together-for-Social-Europe,1593.html  è possibile leggere o scaricare l’intero rapporto.

BOLZANO. IL CORO AUSER CIRIBIRIBIN, ELISIR DI LUNGA VITA
La più giovane – Maria Valentini – ha 78 anni, le più anziane – Lilia Buzzoni e Caterina Pellegrino – 95. Sono due coriste di “Ciribiribin”, il coro – creato una quindicina di anni fa dall’associazione Auser di Bolzano. L’età media viaggia sopra gli ottant’anni. Sono tutte donne, unico rappresentante maschile Giuseppe Muscatello, 92 anni, per molto tempo, assieme alla moglie, ha fatto volontariato all’interno dell’associazione. Di questo coro speciale si è occupata di recente la trasmissione “Elisir”, condotta da Michele Mirabella e dedicata appunto al benessere nella terza età. L’Auser offre diverse iniziative per fare della vecchiaia un periodo ancora attivo della vita: tra queste c’è il coro appunto. L’anima del gruppo è Ettorina Schiesaro, 80 anni: è la maestra, ma lei preferisce definirsi coordinatrice. Lei il canto ce l’ha nel sangue: «A scuola – racconta – facevamo due ore alla settimana di questa disciplina e a casa mia si è sempre cantato e suonato. Quindi mi è piaciuta subito l’idea di creare un coro». Le prove si tengono tutti i lunedì nella sede di piazza Don Bosco 1: si comincia puntuali alle tre. I coristi seduti intorno a un tavolo; Schiesaro al centro a dirigere, ad accompagnare i canti Rinaldo Pomati con la fisarmonica e in appoggio Renato Meran. «Cantare – dice Lilia Buzzoni – allunga la vita. Il pensiero di dover venir qui il lunedì pomeriggio dà uno scopo al resto della settimana». Non c’è nessuna pillola, nessuna terapia che possa dare gli stessi benefici di quel paio d’ore passate assieme cantando. Tanto che c’è chi vive in casa di riposo, ma il lunedì pomeriggio si fa accompagnare all’Auser per le prove. Qualcuno arriva in sedie a rotelle accompagnato dai parenti. Oltre all’incontro settimanale per le prove, si va a cantare nelle case di riposo. E quando arriva “Ciribiribin” per gli ospiti è una festa.
Fonte: Altoadige.it

TRANI, NONNI A SCUOLA DI ITALIANO E MATEMATICA
L’associazione Auser Giovani Trani, all’interno del suo centro culturale, organizza un corso di formazione in italiano e matematica rivolto prevalentemente agli over 50 allo scopo di mantenere la mente attiva ed essere capaci di aiutare i loro nipoti nello svolgimento dei compiti scolastici.
Il corso di italiano si concentrerà principalmente sulle nozioni di grammatica, letteratura, mentre quello di matematica verterà su algebra e geometria sia a livello teorico sia a livello pratico.  Sono previste circa 10 lezioni per materia da 60 minuti e si svolgeranno nella sede in via Barisano da Trani 28 nei mesi di aprile e maggio. Per garantire una migliore organizzazione, il corso è a numero chiuso.
Per informazioni ed iscrizioni: 373/7088554.

LIDO ADRIANO. UNA CENA PER SOSTENERE IL PROGETTO “AMICI DI LOURENE”
In Senegal, nella Regione di Podor, c’è un piccolo villaggio chiamato Lourène dove i bambini, fino a poco tempo fa, studiavano all’aperto.Il Circolo Auser Volontariato di Lido Adriano “L’altra faccia della medaglia”, insieme al gruppo di sostegno “Amici di Lourène”, ha già contribuito alla costruzione di un’aula scolastica, ma il progetto non si è ancora concluso. Dal 4 al 14 marzo prossimi, infatti, una delegazione di Auser Ravenna si recherà personalmente a Lourène, per portare un ulteriore contributo, che servirà a costruire una recinzione per impedire agli animali da pascolo di entrare nella scuola. Per aumentare l’entità della donazione “L’altra faccia della medaglia” ha organizzato una cena di sostegno, partecipando alla quale sarà possibile contribuire attivamente al progetto. L’appuntamento è sabato 20 febbraio, dalle 19.30, al Campo Sportivo di Lido Adriano, in Viale Manzoni 580. Il menu multietnico prevede Yassa del Sénégal, torte salate e crostate. L’offerta minima è 6,50 Euro.
Per chi volesse partecipare è gradita la prenotazione chiamando Caterina al 340/0902229. Ufficio stampa – Deborah Ugolini+39 335 6934856 – press@auserravenna.it

AUSER RAVENNA IN CAMPO PER AIUTARE I BAMBINI SVANTAGGIATI GRAZIE AL PROGETTO REGIONALE “DIRITTI AL FUTURO”
“Un’associazione di volontariato fa bene a guardare al passato in termini di sostegno, ma se non guarda al futuro, ai giovani, alle nuove generazioni, allora ha un limite di visualità e di visione”. Con queste parole la Presidente Mirella Rossi, ha presentato l’adesione di Auser Ravenna al progetto Diritti al futuro, iniziativa lanciata da Auser Emilia Romagna e Ufficio Scolastico Regionale per ridurre le disuguaglianze e sostenere il diritto allo studio dei bambini più bisognosi. In Emilia Romagna, secondo l’ultimo rapporto di “Save the children” sono oltre 65mila i bambini in condizione di povertà. Parliamo di bambini che non hanno la possibilità di leggere libri, andare a teatro o al cinema, fare le gite scolastiche insieme ai propri compagni. La crisi, dunque, colpisce al cuore il nostro futuro, mettendo a rischio, per molti, la stessa possibilità di proseguire gli studi. Per questo Auser Emilia Romagna e Ufficio Scolastico Regionale hanno sancito un vero e proprio protocollo di intesa coinvolgendo 38 scuole elementari, in tutto il territorio regionale, con elevata presenza di bambini a rischio povertà o in situazione di disagio sociale. Auser Ravenna ha aderito a questa iniziativa e la Presidente Rossi ha firmato gli accordi con le Dirigenti Scolastiche delle due scuole del nostro territorio coinvolte nel progetto: venerdì 12 febbraio con Maria Del Gaudio dell’Istituto Comprensivo “F. Berti” di Bagnacavallo, e martedì 16 febbraio con Paola Falconi dell’Istituto Comprensivo Statale “Cervia 2″ di Cervia. Per le scuole le azioni di sostegno prevedono fornitura di materiale didattico, contributi per la partecipazione a manifestazioni culturali, attività laboratoriali e ancora contributi per attività promosse dalle istituzioni scolastiche in orario extrascolastico come corsi di lingua, attività sportive e musicali e similari. Auser Ravenna si è impegnata a sostenere queste azioni sia economicamente sia attraverso progettualità condivise con le scuole. Gli istituti, dal canto loro, si sono impegnati ad individuare i destinatari di queste azioni, d’intesa con i Servizi sociali territoriali, a progettare opportunamente gli interventi, a mantenere in itinere le attività proposte e naturalmente a rendicontare l’impiego delle risorse. I protocolli hanno validità per l’anno scolastico 2015/2016, ma l’idea è quella di proseguire per almeno tre anni.
Per info: Ufficio stampa – Deborah Ugolini  +39 335 6934856 – press@auserravenna.it

“CI SONO PER TE”: A PRATO IL NUOVO PUNTO DI ASCOLTO PER GLI ANZIANI
Uno sportello d’ascolto, orientamento e informazione per gli anziani. A Prato non esisteva un punto di ascolto rivolto in modo specifico alla terza età e ai familiari degli anziani. E a colmare la lacuna ci hanno pensato Auser e Spi-Cgil con “Ascolto a tutto tondo, ci sono per te”.
Il progetto mira a creare, nel territorio un punto di riferimento costante, rivolto in via preferenziale agli anziani e alle loro famiglie, ma aperto a tutti, per rispondere al bisogno di ascolto, di accoglienza, di orientamento-accompagnamento e di sostegno nei momenti di difficoltà.
Le finalità dell’intervento sono pertanto quelle di fornire informazioni sui diritti di cittadinanza, contribuire a sviluppare competenze e a facilitare i rapporti con le strutture ed i servizi territoriali, nell’ottica generale di  migliorare la qualità della vita, contrastare l’isolamento e la passività.
Verrà dato ampio spazio anche all’ascolto, informazione e orientamento-accompagnamento per richieste riguardanti i servizi socio- sanitari e le opportunità presenti nel territorio, così come per fornire informazione ed accompagnamento per superare l’inadeguatezza rispetto all’uso degli strumenti tecnologici attuali.
Lo sportello è presso la sede provinciale di Auser, in via Tintori 35, per ora aperto lunedì e mercoledì dalle 15 alle 17. Per info: 0574.38826 ausersportelloprato@gmail.com.
Fonte: Il Tirreno

BOTTICINO MATTINA. LABORATORI DI LETTURE E SCRITTURA CREATIVA
Nell’ambito del progetto 2016: “Un’affollata solitudine” , realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura , ai servizi sociali del Comune di Botticino, Auser Villa Labus di Botticino Mattina propone l’iscrizione ad un interessante percorso di laboratori aperto a tutti e condotto da una professionista qualificata. Si comincia con Esperienze di biblioterapia, laboratorio di letture e scritture. Quattro incontri di laboratorio esperienziale per avvicinarsi e riavvicinarsi alla lettura e alla scrittura come attività utili all’accrescimento del benessere psichico. Primo laboratorio giovedì 3 marzo dalle ore 17.30 alle 19.00, secondo appuntamento il 10 marzo, giovedì 17 ed infine giovedì 24 marzo. I laboratori saranno condotti dalla dott.ssa Roberta Portelli, psicologa psicoterapeuta e si terranno presso AUSER Villa Labus di Botticino Mattina (BS), via Cave 74. tel. 0302190456; mail villalabus@libero.it oppure 348 5652365 – e-mail:  auservillalabus2@libero.it

CERNUSCO LOMBARDONE  (LC): CON “LIVING LAND” CUSTODIA SOCIALE PER GLI ANZIANI
È stato presentato alla consulta per le politiche sociali del comune di Cernusco Lombardone (LC) il progetto “Living Land”, con capofila il consorzio Consolida e i partner Auser, Retesalute e le cooperative L’arcobaleno e Sineresi.
Il progetto è rivolto agli anziani e prevede un servizio di custodia sociale che sarà avviato dapprima nel comune du Missaglia con alcuni volontari che faranno da “antenne” del territorio e assisteranno gli anziani nelle commissioni quotidiane, monitorando anche il loro stato di salute.
I volontari, che riceveranno un rimborso spese, hanno seguito un corso di formazione e saranno coordinati dall’assistente sociale del comune in collaborazione con l’assistente sociale di Retesalute. Parte dei 20 volontari resisi disponibili nel comune di Missaglia seguiranno il punto informativo che verrà inaugurato a breve e fornirà ai residenti di tutto il territorio, non solo comunale, delle indicazioni sui servizi fruibili. Accanto a questo, verrà aperto uno sportello psicologico per supportare gli over 65 nelle fasi della vita più delicate. Con Living Land si potenzierà la telefonia sociale in collaborazione con l’Auser per contrastare la solitudine che vivono molti anziani e 15 famiglie lecchesi composte da anziani che abitano da soli sperimenteranno il progetto di domotica. Nelle loro case saranno posizionati dei sensori che rileveranno le situazioni di pericolo quali le cadute o le aperture delle porte e informeranno tempestivamente le persone di riferimento via sms.
Fonte: merateonline.it

CREMONA. UN CONVEGNO DEDICATO ALLA FIGURA DI MARIO LODI, MAESTRO, SCRITTORE, PEDAGOGISTA
In programma sabato 27 febbraio alle ore 16 presso Sala Puerari, Museo Civico “Ala Ponzone” in via Ugolani Dati 4, si terrà una conferenza pubblica sulla figura di Mario Lodi, maestro della Costituzione. L’evento, aperto a tutta la cittadinanza, è organizzato da: Auser Unipop Cremona, Università Popolare, Casa delle Arti e del Gioco Mario Lodi di Drizzona, in Collaborazione con: Cultura Partecipata 2016 e Comune di Cremona. Fondata dal maestro, scrittore e pedagogista Mario Lodi, la Casa delle Arti e del Gioco, ha come finalità associative la formazione degli insegnanti e dei cittadini che si dedicano all’educazione democratica, fondata sui valori della Costituzione Italiana, e la valorizzazione e sviluppo delle capacità espressive, creative e logiche dei bambini e degli adulti. La vita di Mario Lodi ha interpretato culturalmente la ricostruzione dell’Italia post-guerra, ne ha segnato i momenti più alti di riflessione sulla pedagogia e il mondo della scuola e dei bambini attraverso un impegno concreto e quotidiano.

8 MARZO CON AUSER PALERMO
L’Auser di Palermo organizza per la giornata dell’8 marzo nei propri circoli tante occasioni di incontro e scambio per discutere dei diritti, di lavoro, delle unioni civili, della battaglia contro il femminicidio, di pace, solidarietà e tanto altro ancora. Dalle ore 17 alle 23.00 a Bagheria, Casteldaccia, al Leonardo Sciascia di Palermo, ad Altofonte, Piana degli Albanesi, San Cipiriello, Monreale, Misilmeri, Terrasini e Ficarazzi i soci, gli amici ed i sostenitori di Auser potranno trascorrere un piacevole pomeriggio in compagnia e discutere di tanti argomenti.

MILANO. LA VOCE DELLE VOLONTARIE AUSER IMPEGNATE NEL FILO D’ARGENTO
In occasione dell’8 marzo 2016 le volontarie del Filo d’Argento, il gruppo donne e l’accademia Auser Creatività e Solidarietà Insieme si presentano con l’evento “La voce delle volontarie Auser”. L’appuntamento è fissato per il 10 marzo dalle ore 14.30 alle 17.00 presso la Casa dei Diritti  in via De Amicis 10 a Milano. Sarà l’occasione per riflettere ad alta voce sul ruolo delle donne nel volontariato, su come è cambiato in questi ultimi decenni, sull’importanza e le ricadute non solo sociali ma anche individuali nell’impegnarsi per gli altri. Introduce l’incontro Claudia Campanelli coordinatrice Filo d’Argento Auser di Milano. Partecipano: Anita Sonego presidente commissione pari opportunità Comune di Milano; Vilma Nicolini responsabile Auser nazionale osservatorio pari opportunità; Rosa Romano presidenza Auser Lombardia; Luigi Ferlin presidente Auser Milano; Miriam Pasqui responsabile Casa dei Diritti. Saranno presenti numerose le volontarie e i volontari del Filo d’Argento di Auser Milano e provincia.
In concomitanza con l’evento verrà inaugurata la mostra dell’Accademia Auser Creatività e Solidarietà con opere tutte ispirate all’impegno volontario nella telefonia sociale di Auser Filo d’Argento.

VITERBO. L’ALTRA META’ DELL’ARTE

La dottoressa Nadia Colangelo di Auser Viterbo, presenta giovedì 17 marzo 2016 alle ore 15.00 presso la Biblioteca Fabio Besta di Orte in via del Campo Sportivo, la Conferenza dal titolo “L’altra metà dell’arte” incontro dedicato alle donne artiste e alle loro relazioni con gli uomini dei famiglia.
Per info: Giovanna Cavarocchi Auser Viterbo 0761-353230.

CAMUNO SEBINO. OTTO MARZO DI FESTA
L’Auser di Camuno Sebino e lo Spi Cgil organizzano per la festa dell’8 marzo presso il Parco delle Terme, una grande festa condita da buona cucina, musica e ballo. Per le persone che necessitano di trasporto, basta rivolgersi alle sedi Auser della Val Camonica Sebino per la prenotazione.

ROVATO FESTEGGIA L’OTTO MARZO
Il laboratorio teatrale di Auser con la regia di Simona Rosa, porta in scena da oltre due anni piccoli spettacoli che vengono proposti in concomitanza di eventi come la settimana sulla violenza alle donne che ha visto andare in scena Ulisse e donne. E’ uno spettacolo scritto dalle attrici,  molto apprezzato in svariate occasioni sia a Rovato al teatro San Carlo che a Provaglio d’Iseo.  Andrà di nuovo in scena nell’ambito delle manifestazioni per la festa della donna sabato 12 marzo alle ore 20,30 presso il teatro comunale di Castelcovati. A Rovato Auser porta in scena  Le ceneri di Angelo, domenica 6 marzo alle ore 17, presso il teatro San Carlo, (Sala Mons. Zenucchini). E’ una commedia brillante e leggera in due atti scritta da Mariolina Cadeddu con la regia di  Simona Rosa. Partecipano: Annamaria Cremonini, Giuliana Pezzotti, Silvana Lazzaroni, Mariolina Cadeddu, Maria Visconti, Rosella Ricci, Mariangela Bonù, Antonia Ravizza ed Emilia Costa Zaccarelli. Racconta di un gruppo di donne che cercano una sistemazione per le ceneri del marito di una loro amica….Alla fine decide per tutte Marianna. Auser, in collaborazione con l’Amministrazione comunale ha inoltre  steso un programma che dura una settimana. Domenica 6 marzo  le Ceneri di Angelo, Martedì 8 marzo alle ore 20, presso la Sala del pianoforte in Municipio,  avrà luogo un concerto per le donne con Maria Antonia Bombardieri (soprano) Riccardo Cervi (baritono) e Falloni Matteo (pianista). Domenica 13 marzo alle ore 17, presso il Teatro San Carlo (mons. Zenucchini) il Teatro? No!, porta in scena Ulisse, le donne, l’amore: brani tratti dall’Odissea. L’ingresso è libero per tutti gli eventi.

CREMONA. EVENTO PER LA FESTA DELLA DONNA
Nell’ambito delle attività per la Festa della donna il prossimo 8 marzo 2016, l’Auser organizza ed invita tutta la  cittadinanza a partecipare all’evento “L’arte e le donne, Alice allo specchio”. Relatrice: Valeria Palumbo, storica delle donne e giornalista al Corriere della Sera. L’appuntamento è per l’8 marzo alle ore 15.00 presso Salone Bonfatti della CGIL Cremona in via via Mantova 25. Ingresso Libero e gratuito.

TERRANUOVA BRACCIOLINI. INNOVAZIONE SOCIALE E POLITICHE DELL’ABITARE
Venerdì 4 marzo presso la Sala Consiliare del Comune di Terranuova Bracciolini, in piazza della Repubblica 9, si terrà il Seminario Innovazione sociale e politiche dell’abitare”. L’iniziativa si propone di presentare esperienze e progetti innovativi sui temi dell’abitare, sviluppando una riflessione  ed una analisi sull’uso degli strumenti urbanistici  come volano  di nuove politiche abitative. Partecipa al seminario, fra gli altri, anche Gabriele Danesi coordinatore del progetto Auser Abitare Solidale.

BOLZANO. INCONTRO CON GIORGIO DOBRILLA
Giovedì 25 febbraio alle ore 17.30 presso il Circolo della Stampa in via dei Vanga 22, si terrà un incontro con il prof. Giorgio Dobrilla che presenterà il suo libro “Fatti Fattarelli Fattacci”. La conferenza è a ingresso libero ed aperta a tutta la cittadinanza.

LIVORNO.  INCONTRO CON L’AUTORE DI “VEDO BUIO”
“Vedo buio (ma mi sto organizzando)” è il titolo del libro di Elio Barsotti presidente di Auser Volontariato di Donoratico che verrà presentato nel corso di una conferenza il prossimo venerdì’ 26 febbraio alle ore 15.00 presso la Cantina del Comitato Coppa Barontini. Saranno presenti Francesco Gazzetti,.consigliere regionale; Giovanni Forconi presidente regionale Auser. Coordina i lavori il giornalista di Granducato TV Antonello Riccelli. Dopo “dialoghi della miseria” “Vedo Buio” è il secondo libro di Barsotti, dove affronta argomenti di grande attualità sociale in particolare le difficoltà dei giovani ad inserirsi nel mondo del lavoro.

A LIDO ADRIANO LA SEGAVECCHIA CON TUTTE LE ASSOCIAZIONI
Una grande festa per i bambini organizzata grazie alla collaborazione di tutte le associazioni che operano sul territorio di Lido Adriano. L’appuntamento per grandi e piccini è domenica 28 febbraio, a partire dalle 14.30, al Centro Sociale “Il Desiderio” in Viale Manzoni, 449. Ci saranno balli di gruppo con l’ASD Balla con Mary, Truccabimbi a cura di Matogrosso e poi naturalmente la sfilata in maschera con premi per tutti i bimbi e ancora giochi e animazione e lettura di fiabe per i più piccoli. Per soddisfare il palato invece dolcetti per i bimbi e un ricco buffet per tutti i partecipanti.Hanno collaborato alla realizzazione dell’evento: auser Ravenna, Centro Socio Culturale Multietnico “L’altra faccia della Medaglia”, Anteas, Amare Lido Adriano, ASD Lido Adriano, ASD Balla con Mery, Cisim, Il lato oscuro della costa, Coop Libra, Centro Agorà, Pro Loco Lido Adriano, Centro Sociale “Il Desiderio”, Parrocchia Lido Adriano, Sportelli Informagiovani e Informadonna.
Per info: Ufficio stampa – Deborah Ugolini +39 335 6934856 – press@auserravenna.it

Dal  sindacato

UNIONI CIVILI: CGIL, IN PIAZZA IL 5 MARZO
Sulle Unioni civili la Cgil aderisce agli appelli del mondo associativo e sarà in piazza a Roma, sabato 5 marzo, nella prevista manifestazione nazionale. “Siamo stati nelle piazze di ‘Svegliati Italia’ – si legge in una nota della Segreteria nazionale della Cgil – per sostenere l’approvazione della legge sulle Unioni civili nel testo attualmente in discussione in Parlamento. L’Italia deve recuperare un grande ritardo sul terreno dei diritti civili. Ogni ritorno indietro rispetto a quanto previsto nel ddl Cirinnà sarebbe riconoscere che il nostro Paese continua a porsi fuori dal contesto dei Paesi avanzati che oramai da lungo tempo riconoscono e regolano con efficacia tali diritti”. “Per queste ragioni – conclude la nota del sindacato guidato da Susanna Camusso – la Cgil aderisce agli appelli del mondo associativo e sarà in piazza anche il 5 marzo nella prevista manifestazione nazionale.”

Anziani e dintorni

DISABILI, ANZIANI, FAMIGLIE: POSTE INSIEME INVESTE NELLA SOLIDARIETÀ
Sono sedici i progetti finanziati in tutta Italia con 639 mila euro. La onlus, nata ad aprile dello scorso anno, ha l’obiettivo di utilizzare le risorse aziendali per creare una rete di volontariato in grado di aiutare persone in situazioni di disagio Roma – Aiutare i disabili a diventare indipendenti, reinserire nel mondo del lavoro ex detenuti, offrire assistenza agli anziani. Sono solo alcuni dei progetti che Poste Insieme onlus ha avviato per sostenere le politiche di inclusione e di solidarietà in Italia. Nata ad aprile dello scorso anno, la Onlus ha scelto di utilizzare le risorse aziendali per creare una rete di volontariato in grado di aiutare persone in situazioni di disagio. Da nord a sud sono state finanziate sedici associazioni diverse, presenti in dieci regioni, per un totale di 639 mila euro.
Fonte: Redattore sociale

ALZHEIMER. 600MILA I MALATI IN ITALIA
In Italia, paese più longevo d’Europa con 13,4 milioni gli over60, sono 600 mila i malati di Alzheimer e sono destinati ad aumentare. Lo rileva la ricerca realizzata dal Censis con l’Aima (Associazione italiana malattia di Alzheimer) che ha analizzato l’evoluzione negli ultimi sedici anni della condizione dei malati e delle loro famiglie. I costi diretti dell’assistenza ammontano a oltre 11 miliardi di euro, di cui il 73% a carico delle famiglie, con un costo medio annuo per paziente di 70.587 euro, comprensivo dei costi a carico del Servizio sanitario nazionale, di quelli che ricadono direttamente sulle famiglie e dei costi indiretti (gli oneri di assistenza che pesano sui caregiver, i mancati redditi da lavoro dei pazienti).
Diminuisce del 10% rispetto al 2006 il numero dei pazienti seguiti da una Uva o da un centro pubblico (56,6%). Quando la patologia è più grave il dato è ancora più basso (46%). Si abbassa leggermente anche la percentuale di pazienti che accedono ai farmaci specifici per l’Alzheimer: dal 59,9% al 56,1%. Ed è diminuito il ricorso a tutti i servizi per l’assistenza e la cura dei malati di Alzheimer: centri diurni (dal 24,9% al 12,5% dei malati), ricoveri in ospedale o in strutture riabilitative e assistenziali (dal 20,9% al 16,6%), assistenza domiciliare integrata e socio-assistenziale (dal 18,5% all’attuale 11,2%). Ampio è invece il ricorso all’assistenza informale privata: i malati che possono contare su una badante sono il 38%. Alla badante si fa ricorso principalmente utilizzando il denaro del malato (58,1%). Ma rispetto al passato emerge il peso inferiore delle risorse del malato (nel 2006 rappresentavano l’82,3% delle risorse destinate alle badanti), che appaiono bilanciate da un più ampio ricorso all’indennità di accompagnamento e al denaro dei figli o del coniuge.
Fonte: Redattore Sociale

CADONEGHE (PD). ANZIANI SI NARRANO A TEATRO CON IL PROGETTO “TRACCE DI MEMORIA”
“Tracce di memorie” è un  progetto di narrazione teatrale per over 65, che a Cadoneghe (Padova) per oltre un anno  ha sollecitato il confronto e il racconto intorno ai temi del lavoro e della memoria.  La scorsa domenica 21 febbraio, alle ore 17 all’auditorium “Ramin” di Cadoneghe (via Rigotti 2), lo spettacolo “L’aria delle undici”  ha visto in scena i 23 partecipanti, uomini e donne tra i 65 e gli 80 anni. Ideato e condotto dagli attori e registi Loris Contarini e Stefano Skalkotos in collaborazione con la cooperativa TOP-Teatri Off Padova, il laboratorio è stato promosso e sostenuto dall’Assessorato ai Servizi sociali del Comune di Cadoneghe, che ha subito accolto la proposta di utilizzare le tecniche, gli strumenti e il linguaggio del teatro per un percorso di incontro e socializzazione, ma pure di lavoro sociale innovativo, rivolto agli anziani del territorio.
Per tutti i protagonisti quello di domenica è stato un vero e proprio “debutto” che li ha visti  per la prima volta esibirsi,… anzi raccontarsi in veste di attori davanti a un pubblico. E dalla narrazione di sé e dall’ascolto prende avvio tutto il percorso, partito nel 2014 e negli ultimi mesi concentratosi sull’allestimento dello spettacolo che ne rappresenta ora una sorta di restituzione. Perché dalle storie dei “ragazzi” – come sono soliti chiamarsi tra loro –, viene fuori un pezzo significativo di memoria collettiva del territorio. Nel corso del laboratorio, infatti, ciascuno di loro si è in qualche modo guardato indietro, e con il racconto di sé e della propria storia ha ricostruito insieme agli altri una visione e un mondo del lavoro così diversi rispetto a quelli attuali. Dai racconti di queste persone, prima raccolti attraverso interviste e poi trasformati per la scena in piccoli ed efficaci monologhi, riprendono così vita scorci di quotidianità di un tempo, e insieme le fatiche, le aspettative, i sogni di un’epoca.
Per info: Ufficio stampa TOP-Teatri Off Padova IKON Comunicazione – tel 049/8764542 e cell. 338/6983321

Associazionismo Volontariato Terzo Settore

SUPERAMENTO OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOMINATO IL COMMISSARIO. LA CAMPAGNA STOPOPG: FINALMENTE UNA BUONA NOTIZIA
“La nomina, da parte del Consiglio dei Ministri, di Franco Corleone, già garante dei diritti dei detenuti, come  Commissario unico per il superamento degli OPG è una buona notizia. L’abbiamo sollecitata da mesi e finalmente è arrivata. Non deve essere considerato un atto “punitivo” verso i comportamenti delle regioni commissariate, quanto piuttosto un sostegno a veri processi di cambiamento nel processo di superamento degli OPG”. E’ la prima dichiarazione a caldo della Campagna StopOPG di cui anche Auser fa parte fra le organizzazioni promotrici. “Sappiamo che il Commissario deve intervenire per garantire ad ogni internato la dimissione, così da poter chiudere gli OPG “superstiti” (Reggio Emilia, Montelupo Fiorentino, Aversa e Barcellona Pozzo di Gotto). – prosegue la nota – Non dimenticando che quello di Castiglione delle Stiviere ha solo cambiato targa “trasformandosi” da Opg in Rems con oltre 200 internati. Ma il mandato che è stato affidato al Commissario è più ampio, come chiedevamo: riguarda tutto il territorio nazionale, per la piena e corretta applicazione della legge 81/2014, che privilegia decisamente misure di sicurezza alternative alla detenzione con progetti di cura e riabilitazione individuale.

“CHE LINGUA SCRIVI?” I SEMINARI DEL GIORNALE RADIO SOCIALE A PALERMO E CATANIA
Torna “Che lingua scrivi?”, il ciclo di seminari giornalistici dedicati al linguaggio realizzati dal Giornale Radio Sociale, in collaborazione con Fondazione con il Sud e Forum Terzo Settore.
L’appuntamento è doppio: 2 marzo a Palermo e 3 marzo a Catania.
Il tema degli incontri sarà “Le parole delle notizie internazionali:
il sociale, il linguaggio dei media e la deontologia”.
Aree di crisi e immigrazione: il linguaggio delle news. Cosa “fa notizia”: stereotipi comuni e semplificazioni, comunicazione “a singhiozzo” e racconto della realtà. Il ruolo del web, dei social network e della radio. Le regole deontologiche da rispettare.
Tra i relatori, Pietro Suber di Mediaset, Roberto Zichittella di Famiglia Cristiana e Radio 3 Mondo, Elisa Marincola di Articolo 21 e Max Civili di Press Tv.
Per informazioni: www.giornaleradiosociale.it

FQTS2020, A SALERNO PROSEGUE LA SECONDA SETTIMANA INTENSIVA
Prosegue fino a domenica 28 febbraio la seconda settimana intensiva di FQTS2020, per la formazione dei dirigenti delle associazioni di terzo settore al Grand Hotel di Salerno.
Per una settimana le 327 persone in formazione hanno l’opportunità di confrontarsi con esperti di terzo settore e oltre 20 docenti universitari di fama internazionale su tematiche attuali come i diritti civili, la gestione dei flussi migratori, le politiche d’accoglienza, le possibilità di sviluppo per i territori del Sud.
L’ambizioso obiettivo di FQTS2020 è quello di realizzare nel Mezzogiorno un laboratorio di cambiamento e creatività, consentendo al terzo settore di acquisire competenze da utilizzare direttamente sui territori nei quali operano le associazioni, in una logica di sistema. Avviato nel 2010 il percorso, attivo in sei regioni del Sud Italia (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia) ha coinvolto oltre 1.000 partecipanti e prodotto 5.000 ore di formazione.
Tra gli interventi previsti quello della sociologia statunitense Saskia Sassen e dell’economista Leonardo Becchetti dell’Università di Tor Vergata, che avrà il compito di raccontare la rivoluzione del Bes (Benessere equo e sostenibile) gli indicatori di sviluppo multidimensionali che consentono di andare oltre la “dittatura” del Prodotto interno lordo per definire il benessere di un Paese.
Per informazioni: www.fqts.org stampa@fqts.org

Agenzia d’Informazione a cura dell’Ufficio Stampa Auser
Nazionale Via Nizza 154 00198 Roma tel. 06/84407725 fax 06/8440.7777
E-mail ufficiostampa@auser.it Sito internet: www.auser.it

Tags:
Categorie articolo:
Agenzia d'informazione AUSER

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU